Sei stato vittima di una truffa? Ecco come difendersi

// Diritto Penale  
# Truffa   # TruffaComeDifendersi  

Si tratta di un reato che negli ultimi anni è diventato sempre più frequente, anche in considerazione della diffusione e dell’utilizzo di nuove tecnologie.

come difendersi da una truffa approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato penalista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato penalista in breve tempo.

1. Descrizione della fattispecie di reato

Il delitto di truffa, previsto dall’art. 640 del codice penale, punisce chiunque, mediante artifici o raggiri, inducendo un’altra persona in errore, procura a sé o ad un terzo un ingiusto profitto con altrui danno.

Il bene giuridico tutelato dalla norma è dunque il patrimonio, aggredito attraverso un inganno che porta la vittima a cooperare inconsapevolmente per la produzione del danno che la stessa subisce, a causa del comportamento del reo.

2. Elementi costitutivi della truffa

La condotta, che deve essere posta in essere in maniera volontaria da parte del soggetto agente, consiste innanzitutto nell’induzione della vittima in errore: l’autore del reato deve ingenerare nella persona offesa una falsa rappresentazione della realtà tale da influire sul processo di formazione della sua volontà, persuadendola a compiere una determinata attività.

L’inganno deve inoltre essere causato attraverso i cosiddetti artifizi o raggiri, che possono essere rispettivamente definiti come una manipolazione della realtà esteriore e una attività di convincimento che influenzi la psiche altrui e faccia sembrare veritiera la menzogna.

Per la consumazione del reato, in conseguenza dell’errore determinato dal suddetto inganno, occorre che il soggetto passivo compia un atto di disposizione patrimoniale che sia produttivo, da un lato, di un danno per il medesimo soggetto passivo e dall’altro, di un vantaggio per l’autore della condotta (o anche un terzo), privo di ragioni giuridiche e non necessariamente di natura patrimoniale.

3. Forme di manifestazione del reato

L’ambito di operatività del reato in commento si è nel tempo notevolmente ampliato, anche per far fronte alle molteplici modalità con cui può essere commesso.

In particolare, considerata la diffusione del commercio elettronico, occorre prestare attenzione agli specifici rischi che tali situazioni possono comportare.

Si pensi infatti all’ipotesi in cui, a seguito della pubblicazione di annunci di vendita su appositi siti on line e dopo aver effettuato anticipatamente il pagamento ad esempio con ricariche su carte di pagamento ricaricabili, la merce offerta in vendita non venga consegnata.

In questo caso, la condotta può costituire non solo un inadempimento contrattuale significativo sotto il profilo civilistico, ma anche un fatto penalmente rilevante e idoneo a integrare il reato di truffa: a tal fine, è tuttavia necessario che l’acquirente sia stato tratto in inganno attraverso artifici o raggiri posti in essere dal venditore (qualora, ad esempio, quest’ultimo abbia rassicurato l’acquirente sulla propria affidabilità e sulla disponibilità della merce proposta, così inducendolo ad effettuare il pagamento).

4. Come difendersi e cosa si rischia in caso di truffa

La truffa è un reato che, salvo ipotesi particolari e residuali, è procedibile a querela. Ciò significa che la persona offesa, entro il termine di tre mesi dalla data in cui è venuta a conoscenza del reato, deve presentare alla competente autorità un atto di denuncia-querela; in mancanza di tale atto, il reato ancorché perpetrato e perfezionato in tutti i suoi elementi, non può essere perseguito e punito.

La pena prevista per tale delitto è la reclusione da sei mesi a tre anni e la multa da 51 euro a 1.032 euro (qualora ricorrano circostanze aggravanti speciali, come ad esempio nel caso di truffa ai danni dello Stato, la pena è aumentata).

Nell’ambito del procedimento penale instaurato nei confronti della persona imputata della truffa, la persona offesa potrà richiedere il risarcimento di tutti i danni patiti in conseguenza del reato.

Andrea Rosso

Fonti normative

Codice penale: articolo 640

Hai subito una truffa? Sei stato raggirato in un affare online? Vuoi sapere come denunciare una truffa? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it
Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis