Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Violenza domestica. Come difendersi?

Capita sempre più di frequente, di accendere la televisione e sentire il giornalista raccontare casi di violenza domestica, che avviene appunto all’interno dell’ambiente domestico.

< Diritto Penale  

 violenza domestica: come difendersi approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato penalista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato penalista in breve tempo.

1. Cosa si intende per violenza domestica, quali sono i migliori modi per difendersi e a chi rivolgersi

Il termine violenza domestica indica, genericamente, una serie di comportamenti abusivi da parte di un componente del nucleo familiare nei confronti di un altro. Non è direttamente disciplinata dal codice penale, che però ricomprende in più articoli le componenti di questo tipo di abuso, l’articolo che più si avvicina a includerle tutte è quello dei “Maltrattamenti contro familiari o conviventi” (art. 572 c.p.). I maltrattamenti in famiglia sono descritti, in modo molto generico, così: “Chiunque maltratta una persona della famiglia o comunque convivente, o una persona sottoposta alla sua autorità “, e sono un reato procedibile d’ufficio, o, naturalmente, a seguito di querela.

È importantissimo, dunque, sottolineare come la violenza domestica non si estrinsechi nel solo abuso fisico, ma anche (e soprattutto negli ultimi anni) in quello psicologico e sfoci, più spesso di quello che si creda, in quello economico.

Altresì fondamentale è evidenziare che non sono solo donne e bambini le vittime di questa violenza, ma anche uomini, che spesso, per timore di essere giudicati dalla società, o non creduti dalle autorità, non denunciano gli abusi subiti.

Ad oggi è equiparato al coniuge anche il convivente more uxorio.

La pena per coloro i quali si siano resi colpevoli del reato di violenze verso familiari o conviventi è quella della reclusione da due a sei anni, aumentata da quattro a nove anni se ne derivano lesioni gravi, se invece ne deriva una lesione gravissima, da sette a quindici anni. Se alle violenze segue la morte della vittima, la reclusione è da dodici a ventiquattro anni.

2. Come riconoscere la violenza domestica

Il carattere dei maltrattamenti deve avere, a tutti gli effetti, uno status di continuità nel tempo, ossia gli abusi non devono essere avvenuti in una singola occasione (altrimenti ricadono in una diversa fattispecie di reato, es. percosse, lesioni, minaccia ecc.…). E non deve necessariamente realizzarsi in una condotta attiva, ma può benissimo verificarsi per una serie di omissioni da parte del reo (ad esempio la mancanza di intervento in casi di percosse sui figli, impedire di vedere l’altro genitore ai figli…).

Come detto pocanzi, la violenza può essere di tipo:

  • Fisico: percosse, tagli, mutilazioni, violenza sessuale (che può estrinsecarsi anche in atti quali il rifiuto di usare contraccettivi e esposizione o contagio di malattie sessualmente trasmissibili), strangolamenti e qualunque altra forma di abuso fisico;
  • Psicologico: minacce, stalking, denigrazioni continue, provocazione di sensi di colpa, istigazione al suicidio, ingiuria, diffamazione e tutto quanto porti la vittima ad uno stato di sudditanza psicologica costante;
  • Economico: è una forma di ricatto costante del partner con maggiori mezzi economici, e consiste in una diversa forma di abuso psicologico. Vengono utilizzate le questioni finanziarie come pretesto per far sentire in colpa la vittima e il partner abusante tende a privarla delle risorse materiali che le consentirebbero di essere autonoma e quindi di poter interrompere una relazione violenta. Più concretamente può realizzarsi nel far perdere il lavoro alla vittima, o nell’impedire attivamente che ne trovi uno, atteggiamenti come il controllo continuo delle spese, biasimo per lo shopping, sottrazione delle carte di credito e tutto ciò che consta un esame eccessivo e innecessario del denaro.

Va evidenziato, nuovamente, come questi comportamenti, per rientrare nell’alveo dei maltrattamenti in famiglia, devono essere perpetrati a lungo nel tempo. Non devono essere necessariamente gli stessi ogni volta, ben potendo il reato realizzarsi in una serie di abusi sempre diversi ma costanti nel tempo, in modo da dimostrare la volontà del reo di abusare della vittima. Inoltre, è sempre bene denunciare ogni atto che rientri nel codice penale come reato, in modo da venire il più possibile tutelati.

L’arma dei carabinieri (link riportato nelle fonti) fa rientrare tutti i seguenti reati nell’alveo della violenza domestica, in tutte le forme sopra elencate:

  • art. 570 - Violazione degli obblighi di assistenza familiare;
  • art. 571 - Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina;
  • art. 572 - Maltrattamenti contro familiari o conviventi;
  • art. 575 - Omicidio;
  • art. 580 - Istigazione o aiuto al suicidio;
  • art. 581 - Percosse;
  • art. 582 - Lesione personale;
  • art. 583 bis -Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili;
  • art. 594 - Ingiuria;
  • art. 595 - Diffamazione;
  • art. 605 - Sequestro di persona;
  • art. 609 bis -Violenza sessuale;
  • art. 609 octies -Violenza sessuale di gruppo;
  • art. 610 - Violenza privata;
  • art. 612 - Minaccia;
  • art. 612 bis - Atti persecutori (stalking);
  • art. 616 - Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza;
  • art. 617 - Cognizione, interruzione o impedimento illeciti di comunicazioni o conversazioni telegrafiche o telefoniche;
  • art. 660 - Molestia o disturbo alle persone.

3. Come ci si difende dalla violenza domestica?

Vediamo dunque che cosa si può fare in caso ci si trovi improvvisamente protagonisti di un episodio di violenza o quando si inizi a riconoscere e capire appieno che quanto si sta vivendo magari da parecchio tempo ci sta mettendo in pericolo e non si abbia la possibilità o la volontà di uscire dalla casa in cui vive anche il partner o il genitore violento.

Innanzi tutto, bisognerebbe sottolineare che è fondamentale la volontà della vittima di sporgere una formale denuncia alle autorità competenti, che lo faccia da sola o con l’ausilio di un avvocato.

Attraverso il Testo Unico in materia di Spese di Giustizia, l’ordinamento Italiano ha fatto in modo che le vittime di questo tipo di reato siano sempre assistite per mezzo del patrocinio a spese dello stato, indipendentemente dal suo reddito, e ciò è molto importante per poter stimolare le persone a denunciare, perché spesso si ha timore di non potersi permettere un’adeguata difesa.

Inoltre, nei casi di particolare gravità, o di violenze perpetrate sui minori, il reato è, quando riscontrato da pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio, in ogni caso perseguibile d’ufficio (si pensi alle percosse riscontrate da un medico su un minore).

4. A chi rivolgersi in cerca d’aiuto

Ad ogni persona che è vittima di abusi o maltrattamenti, che non sappia a chi rivolgersi o non abbia mai trovato il coraggio di denunciare, il consiglio primario è quello di rivolgersi ai centri antiviolenza, presenti ormai in modo capillare sul territorio oppure chiamare il telefono rosa, che, da anni si preoccupa di aiutare principalmente le donne vittime di violenza.

Rivolgersi ad un centro antiviolenza significa, per le vittime di abusi e violenze domestiche, essere sostenute nella comprensione delle tappe delle azioni e dei tempi da avviare la denuncia può essere una tra le azioni. Dalla violenza non si esce quasi mai da sole chiedere aiuto è il primo indispensabile passo per vincere ma ogni donna è la prima attrice del suo percorso di uscita dalla violenza e questi semplici consigli sono davvero alla portata di tutte.

Se invece si è decisi a denunciare, il modo migliore è quello di farsi aiutare da un legale esperto. Un avvocato, infatti, conoscerà sicuramente il modo più consono per sporgere la denuncia-querela, vi saprà indirizzare e potrà aiutarvi anche a riconoscere i reati di cui siete vittime.

Le autorità di polizia, inoltre, sapranno anch’esse come aiutarvi, e sicuramente potete cercare presso le loro strutture.

Il consiglio è quello di trovare sempre la forza per uscire dalla violenza, e ricercare l’aiuto di un esperto nella materia per denunciare e per guarire dalle ferite, fisiche e psicologiche, riportate. La denuncia, anche se spesso nei media passa un messaggio diverso, è il mezzo  più forte e più utile per iniziare un percorso legale e giudiziario che porterà il colpevole a pagare per i suoi reati.

Ilaria Bocci

Fonti normative

Articolo 572 codice penale

Testo unico spese giustizia D.P.R. 115/2002

http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/questioni-di-vita/violenza/violenza-domestica

Sei stato vittima di violenza domestiche? Hai subito maltrattamenti nella tua famiglia? Stai sopportando delle situazioni molto difficili in casa? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis