Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Qual è la pena prevista per l’autore di molestie sessuali?

Chi si rende responsabile di molestie a sfondo sessuale rischia l’arresto fino a sei mesi o il pagamento di un’ammenda fino a 516 euro.

< Diritto Penale  

1. Molestia o disturbo alle persone (art. 660 c.p.)

In via generale, le molestie configurano una “contravvenzione”, ossia una forma meno grave di illecito penale rispetto alle altre ipotesi qualificabili come “delitti”.

La minor gravità della contravvenzione viene valutata rispetto al tipo di sanzione prevista dalla legge infatti, alle contravvenzioni si applica di solito la sola pena dell’arresto o dell’ammenda.

Questo vale anche per il caso in esame.

Nello specifico, il nostro ordinamento qualifica come molestia l’atteggiamento doloso di chi reca ad altri fastidio o disturbo, art. 660 c.p., alle seguenti condizioni:

- mediante l’uso del telefono (attraverso, ad esempio, invio di sms, ripetuti squilli, chiamate anche mute);

- con petulanza (da intendersi come invadenza ed intromissione continua ed inopportuna nell’altrui sfera di libertà);

- per altro biasimevole motivo (diverso dalla petulanza, ma parimenti riprovevole);

- manifestando le molestie in luogo pubblico o aperto al pubblico (è sufficiente che, indifferentemente, o l’autore del reato o la sua vittima si trovino in uno di questi luoghi).

Si tratta di un reato comune e può essere commesso da chiunque agisca in modo pressante ed indiscreto, così da recare fastidio o turbamento ad altri nei modi sopra indicati.

L’autore del reato è nella piena consapevolezza di interferire con l’altrui sfera di libertà assumendo volontariamente una condotta di disturbo.

Tuttavia, la molestia ed il disturbo devono essere valutati rispetto al modo di sentire e di vivere comune, relativo al momento storico in cui l’illecito è commesso.

Il reato di molestie, rubricato nel codice penale tra le “contravvenzioni di polizia”, ossia in quelle fattispecie penali un tempo affidate alla competenza dell’Autorità amministrativa, è posto dal legislatore a tutela della tranquillità pubblica od ordine pubblico in generale.

In altre parole, si vuole sanzionare il turbamento della quiete pubblica realizzato attraverso l’arrogante invadenza nella altrui sfera privata.

2. Il reato di molestie sessuali

Il nostro codice penale non disciplina espressamente la fattispecie delle molestie sessuali.

Tuttavia, data la rilevanza giuridica del fenomeno, la giurisprudenza ne ha riconosciuto l’illiceità penale, riconducendo la fattispecie nell’ambito della contravvenzione di cui all’art. 660 c.p.

Il reato di molestie sessuali, secondo la comune interpretazione della giurisprudenza, si configura in presenza di forme di approccio sessuale, manifestate a livello verbale o mediante corteggiamento insistente ed invadente.

Tali forme di approccio cosciente e volontario mirano a vincere la riluttanza e l’indisponibilità del soggetto cui sono rivolte.

Le molestie sessuali non implicano un contatto fisico, in presenza del quale si sfocerebbe nel ben più grave reato di violenza sessuale.

È stata proprio la giurisprudenza della Cassazione a delimitare i confini tra i due illeciti penali:

- le molestie si manifestano con espressioni verbali “spinte” che alludono alla sfera sessuale oppure con atti di corteggiamento ripetuti che vengono rifiutati da chi li riceve;

- la violenza sessuale richiede, invece, un contatto corporeo, anche solo fugace ed estemporaneo, ovvero un coinvolgimento della sfera fisica di chi la subisce.

Vittime del reato di molestie sessuali possono essere indistintamente uomini o donne, adulti o bambini, e sempre più spesso le molestie a sfondo sessuale trovano terreno fertile nei luoghi di lavoro.

3. Procedibilità del reato di molestie sessuali

Il reato in esame, essendo stato ricondotto nella fattispecie delle molestie in generale, è sanzionato con la medesima pena dell’arresto fino a sei mesi o con il pagamento di un’ammenda per un importo massimo di 516 euro.

La scelta della sanzione da assegnare all’autore del reato è rimessa alla valutazione del Giudice.

Il reato di molestie sessuali è procedibile d’ufficio: ciò implica che il procedimento per l’accertamento dell’illecito penale e per la condanna del suo autore, una volta attivato mediante denuncia, prosegue indipendentemente dalla volontà del denunciante che abbia portato a conoscenza dell’autorità giudiziaria il verificarsi del reato.

Quindi, anche nel caso in cui siano stati commessi simultaneamente più reati (es. molestie accompagnate da minaccia), per alcuni dei quali la legge richiede la querela come condizione per l’attivarsi del procedimento penale, l’azione prosegue a prescindere che la querela sia stata o meno presentata o che sia successivamente rimessa da parte della persona offesa.

Fonti normative

- Codice penale: art. 660 c.p.

- Cass. Pen. 17 aprile 2013, n. 40973.

Sei stato vittima di molestie sessuali e non sai a chi rivolgerti? Vuoi denunciare il tuo aggressore ed hai bisogno di un avvocato penalista? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis