Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Errore medico: differenza tra colpa lieve e colpa grave

Tizio si reca presso una clinica privata per un'operazione di routine. Durante l'operazione qualcosa va storto e da un semplice intervento la situazione degenera e Tizio subisce un danno alla salute irrimediabile. In che misura il medico sarà responsabile?

< Diritto Penale   # ResponsabilitaMedica   # CodicePenale  

errore medico colpa lieve e grave approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato penalista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato penalista in breve tempo.

1. Quando il medico è responsabile?

In qualsiasi professione è possibile l'errore umano, ma quando si parla di errore medico la situazione diviene ben più complessa poiché tale errore ricade imprescindibilmente sulla salute del soggetto che l'ha subito.

Per far fronte all'evoluzione socio-culturale e soprattutto per prestare la massima tutela a medici e pazienti è attualmente in vigore la legge 8 marzo 2017 n. 24 (più comunemente chiamata legge Gelli-Bianco) che è intervenuta solo dopo quattro anni dall'approvazione della precedente legge in tema di responsabilità medica, la legge Balduzzi, che presentava profonde contraddizioni nel momento di applicazione pragmatica.

La legge Gelli-Bianco riguarda temi che incidono sulla responsabilità penale, civile, e amministrativa del medico e della clinica. Nello specifico, l'art. 6 della legge Gelli-Bianco ha introdotto una nuova disposizione normativa all'interno del codice penale italiano, l'articolo 590-sexies che disciplina la "Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario".

Dalla stessa intestazione della norma ben si comprende che è stata ampliata l'applicazione dei reati di omicidio colposo o lesioni personali, con le conseguenti sanzioni (reclusione da 6 mesi a 5 anni per l’omicidio colposo e reclusione da 3 mesi a 2 anni e con la multa da 123 euro a 1239 euro per le lesioni a seconda se siano gravi o gravissime), se conseguenti all'esercizio della professione sanitaria. La norma ha però previsto anche una causa di esclusione della punibilità per l'esercente la professione sanitaria che abbia commesso i delitti di omicidio colposo o lesioni personali colpose quando:

  1. ci sia stata imperizia, che non si rivolge al medico nella sua complessa attività o capacità professionali ma al singolo atto qualificato (ad esempio per il noto valore clinico del medico non si può escluderne l'imperizia).
  2. siano state rispettate le raccomandazioni contenute nelle linee guida o, in mancanza, le buone pratiche clinico assistenziali, che pur rappresentando parametri a cui il giudice dovrà attenersi per valutare gli obblighi di diligenza, prudenza e perizia, non assumono carattere vincolante in quanto se tali raccomandazioni non siano adeguate rispetto al fine ultimo della buona cura, ben il medico potrà discostarsene.

2. Colpa grave e colpa lieve

Ma quando si parla di omicidio colposo e lesioni personali colpose, a cosa si fa riferimento?

A questa domanda ha dato risposta la Cassazione, la quale ritiene che l'esercente la professione sanitaria risponde, a titolo di colpa, per morte o lesioni personali derivanti dall'esercizio di attività medico-chirurgica:

  1. se l'evento si è verificato per colpa (anche "lieve") da negligenza o imprudenza;
  2. se l'evento si è verificato per colpa (anche "lieve") da imperizia quando il caso concreto non è regolato dalle raccomandazioni delle linee-guida o dalle buone pratiche clinico-assistenziali;
  3. se l'evento si è verificato per colpa (anche "lieve") da imperizia nella individuazione e nella scelta di linee-guida o di buone pratiche clinico-assistenziali non adeguate alla specificità del caso concreto;
  4. se l'evento si è verificato per colpa "grave" da imperizia nell'esecuzione di raccomandazioni di linee-guida o buone pratiche clinico-assistenziali adeguate, tenendo conto del grado di rischio da gestire e delle speciali difficoltà dell'atto medico".

Ma come è possibile stabilire la gradazione della colpa? A tal proposito, bisogna tener conto:

  • della misura della divergenza tra la condotta effettivamente tenuta e quella che doveva applicarsi;
  • da quanto poteva essere prevedibile ed evitabile l'evento;
  • dalla motivazione della condotta, o meglio delle ragioni di urgenza legate al caso concreto;

Per comprendere meglio tale concetto risultano necessari esempi pragmatici con i quali si possano individuare una condotta da inserire nell'alveo della colpa lieve (un errore scusabile nei casi più complessi, in cui l'esito del trattamento non è certo) e della colpa grave (errore macroscopico).

È colpa lieve ad esempio quando con negligenza un medico ha errato nella scelta delle linee guida, in un intervento di isterectomia, causando un'acuta forma di incontinenza alla paziente.

È colpa grave ad esempio quando un medico, che si è fatto sostituire da un suo collega per un periodo di tempo limitato, non essendoci uno schedario degli assistiti, non l'abbia informato di una grave intolleranza di un determinato farmaco del paziente, che il sostituito invece ha prescritto così da procurargli uno shock anafilattico che l'ha portato alla morte o anche quando il medico operi il paziente di appendicite anziché di ernia.

Fonti Normative

Art. 590-sexies c.p.

Legge n. 24/2017

Cass. pen. S.U. 22 Febbraio 2018, n. 8770

Cass. pen. sez IV, 16 novembre 2018, n. 412

Cass. pen. sez IV, 7 giugno 2017, n. 28187

Credi che il medico che ti abbia operato, ti abbia cagionato un danno? Credi che la tua operazione sia andata male per sua colpa? Hai bisogno di un avvocato penalista che ti permetta di mettere fine a tutto questo? Esponici il tuo caso, AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.