Il ricorso al Giudice di Pace in materia penale

// Diritto Penale  
# CodicePenale   # ProceduraPenale  

Quali sono i casi di competenza del Giudice di Pace in materia penale, scopriamoli insieme.

La novità più importante tra quelle introdotte in materia è la possibilità, per alcuni delitti perseguibili a querela, che la citazione a giudizio del (presunto) reo sia proposta direttamente dalla persona offesa, con un apposito ricorso al Giudice di Pace.

L’importanza della Pubblica Accusa e del Giudice non è stata affatto intaccata da questa novità legislativa: la decisione della magistratura infatti resta essenziale ai fini del proseguimento del giudizio penale.

Il Ricorso, nella sostanza, produce gli stessi effetti della querela ma, a differenza di quest’ultima, costituisce già un atto processuale. In questo senso, la sua proposizione è utile alla persona offesa per dare un più rapido impulso al processo.

1. Natura del Ricorso

Ai sensi degli articoli 5 e 22 del Dlgs n. 274/2000, il Ricorso deve essere presentato nella Cancelleria del Giudice territorialmente competente a conoscere del reato.

Prima di depositare il Ricorso, occorre darne preventiva comunicazione al Pubblico Ministero (come prescritto dall’art. 153 del Codice di Procedura Penale). Il termine per la sua proposizione è il medesimo previsto per la presentazione di una querela: tre mesi dalla data in cui si è venuti a conoscenza del fatto di reato.

È prevista la possibilità d’introdurre altresì l’azione civile risarcitoria davanti al Giudice di Pace, ma solo laddove questa venga proposta contestualmente al Ricorso. Diversamente, la parte decade dalla facoltà di proporla e può quindi rifarsi solo in sede civilistica.

Questa previsione normativa chiarisce le finalità realmente sottese alla norma: l’intenzione di tutelare la dimensione risarcitoria dell’ingiustizia subìta dalla vittima.

Il Ricorso penale al Giudice di Pace deve essere interpretato, quindi, come una peculiare alternativa alla querela, finalizzata soprattutto alla tutela penale dell’individuo con riferimento particolare alla dimensione privatistica dell’offesa.

2.La citazione del presunto colpevole

Per la redazione del Ricorso, le norme sono abbastanza fiscali, prevedono forme e tecnicismi che rendono la stesura dell’atto non agevole. Questa caratteristica è dettata dalla necessità di proteggere la posizione della persona citata a giudizio, che deve essere posta nelle condizioni di esercitare a pieno la propria difesa. L’atto deve, a pena d’inammissibilità, contenere:

- L’indicazione delle parti (anche di quelle eventuali come, ad esempio, altre persone che si ritengono offese dal reato);

- La puntuale definizione dell’oggetto della domanda;

- La descrizione del fatto e l’indicazione delle prove (anche documentali) che si portano a supporto della propria tesi;

- La specificazione delle circostanze su cui dovranno essere interrogati eventuali testimoni e/o consulenti tecnici.

È necessaria altresì l’apposizione della sottoscrizione della persona offesa e del legale che la rappresenta.

Entro 10 giorni dalla data di presentazione del Ricorso, il Pubblico Ministero (PM) deve comunicare l’esito delle verifiche effettuate sul contenuto dell’atto. Egli deve limitarsi a controlli puramente tecnici e formali, non può ridisegnare o integrare l’oggetto del giudizio, che deve restare circoscritto a quanto dedotto dalla persona offesa.

All’esito di queste verifiche il PM può formulare il capo d’imputazione per l’indagato o, se ritiene, dichiarare l’inammissibilità o manifesta infondatezza del Ricorso.

Nel caso in cui il Giudizio debba proseguire, il Giudice emette un decreto con cui invita le parti a comparire nell’udienza di discussione e il processo prosegue secondo le norme di rito.

Intendi presentare un Ricorso penale al Giudice di Pace? Stai cercando un avvocato competente che possa aiutarti nella tua vertenza?

Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati penalisti. Tre di loro ti invieranno senza impegno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.

AvvocatoFlash

In Italia ora c’è AvvocatoFlash, innovativa piattaforma di connessione e collegamento tra clienti ed avvocati, che viene incontro alla sempre più avvertita esigenza di avere una via facile e sicura per scegliere in modo consapevole il proprio avvocato.

Il suo funzionamento è semplice, trasparente e del tutto gratuito. L’utente che desidera scegliere il proprio avvocato su AvvocatoFlash deve solo svolgere facili e veloci operazioni:

  1. Raccontare il proprio caso. L’utente espone in modo anonimo e riservato ad AvvocatoFlash i motivi per cui è alla ricerca di un avvocato e racconta il suo problema legale;
  2. Ricevere tre preventivi. Egli viene quindi contattato in breve tempo da tre avvocati (accuratamente scelti in relazione alla specifica problematica esposta) che, ascoltate le sue necessità, gli offrono gratuitamente i loro preventivi;
  3. Scegliere l’avvocato giusto. Valutati e confrontati i tre preventivi, l’utente può quindi scegliere in modo consapevole l’avvocato che meglio si adatta alle sue necessità. Egli può anche decidere di non scegliere nessun avvocato ed anche in questo caso non perderà nulla, il servizio resta del tutto gratuito.

Occorre evidenziare che il team di AvvocatoFlash, una volta ricevuta la richiesta di un utente, svolge approfondite valutazioni circa la natura del caso ricevuto: ne analizza la difficoltà, valuta le materie rilevanti, considera i possibili sviluppi, etc. Questa operazione permette di individuare i tre avvocati migliori per affrontare e risolvere la specifica problematica esposta dal cliente. I professionisti sono selezionati, infatti, sulla base di diversi fattori, come la loro competenza, i campi del diritto in cui sono maggiormente esperti, o la pregressa esperienza in casi simili a quello proposto.

AvvocatoFlash, inoltre, mette a disposizione i contatti utili dei legali, per fissare con loro un colloquio in modo da velocizzare ed agevolare il rapporto con il cliente.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it
Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis