Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Cosa si rischia se si viene scoperti a copiare ad un concorso?

L'interesse dello Stato alla genuinità degli elaborati in un concorso pubblico.

< Diritto Penale   # Concorsi   # Sanzioni  

 copiare ad un concorso approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato penalista ? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato penalista in breve tempo.

1. La tutela della pubblica fede.

Attribuire a se stessi un'opera intellettuale altrui durante un concorso pubblico al fine di conseguire immeritatamente determinati titoli (scolastici, accademici, onorifici o abilitativi, etc.) è reato. Lo prevede la legge n. 475/1925 che sanziona tale condotta con la pena della reclusione da tre mesi ad un anno, intendendo tutelare l'interesse alla genuinità degli elaborati presentati da ciascun candidato in occasione di esami o concorsi pubblici (Cass. sent. n. 18826/2011).

Il reato è integrato anche qualora il candidato faccia riferimento a opere intellettuali, tra cui la produzione giurisprudenziale, di cui citi la fonte, ove la rappresentazione del suo contenuto sia non il prodotto di uno sforzo mnemonico e di autonoma elaborazione logica ma il risultato di una materiale riproduzione operata mediante l'utilizzazione di un qualsiasi supporto abusivamente impiegato nel corso della prova (Cass., sez. VI, sent. n. 3268/10). Come nel caso in cui si copi di sana pianta una sentenza di un qualsiasi tribunale o corte. 

Le norme della legge n. 475/1925 sono speciali rispetto alle disposizioni del codice penale relative alle ipotesi di falso ideologico (ex art. 495) per induzione attinenti alla formazione dei successivi atti pubblici, posto che i delitti in questione prevedono, come ipotesi aggravata, che l’aspirante consegua l’intento del superamento dell’esame o del concorso. Le stesse esauriscono, pertanto, la risposta sanzionatoria per chi abbia presentato (o procurato) lavori non propri in sede di esame, superando, così, la prova (Cass., sez. V, sent. 2739/2017).

2. La contestazione del concorso nel reato di tentato abuso di ufficio

Di recente la Corte di Cassazione ha confermato la condanna del giudice di primo grado nei confronti di un aspirante legale che aveva tentato di copiare all'esame di abilitazione professionale.

In tale occasione è stato chiarito che concorre nel reato di tentato abuso di ufficio a titolo di “estraneo” chi pone in essere atti idonei, diretti in modo non equivoco, a procurare a sé stessi un ingiusto vantaggio patrimoniale consistente nel superamento dell’esame di abilitazione alla professione di avvocato.

A nulla valendo che la mancata riuscita dell'intento sia imputabile a cause indipendenti dalla propria volontà., dovute al mancato superamento dell'esame (Cass., sez. VI, sent. n. 10567/2018).

3. Il soggetto che “aiuta” il candidato a copiare

Il soggetto che aiuta il candidato a copiare durante un concorso pubblico non è esente da responsabilità penali. Sia nel caso in cui procuri il materiale che in quello in cui rivestendo il ruolo di membro della commissione esaminatrice ometta di adottare i provvedimenti necessari pur avendo scoperto il “furbetto” durante la prova ex artt. 40 e, alternativamente, 110 o 117 c.p.

Se invece il commissario si accorge della copia durante la correzione dell'elaborato e omette la denuncia potrà essere perseguito per abuso di ufficio ex art. 323 c.p.

Se infine il commissario durante la correzione del compito si accorge della copia e per tale motivo proceda a bocciare il candidato disonesto ma ometta volontariamente di denunciare l'accaduto potrebbe rispondere delitto di omessa denuncia di reato da parte di pubblico ufficiale ex art. 361 c.p.

Nel caso in cui si attesti il superamento di esame mai sostenuti, come ad esempio quando il verbale di laurea è formato sulla base di documenti concernenti esami di profitto mai sostenuti, allora il reato configurabile è quello di cui all'art. 495 c.p. (Cass., sez. VI, sent. n. 37240/2014).

Vincenza Luciano

Fonti normative

Codice penale: artt. 323, 361, 495.

Legge 475/1925

Giurisprudenza: Cass., sez. VI, sent. n. 3268/10; Cass. sent. n. 18826/2011; Cass., sez. VI, sent. n. 37240/2014; Cass., sez. V, sent. 2739/2017; Cass., sez. VI, sent. n. 10567/2018).

Hai copiato un elaborato ad un concorso pubblico? Vuoi sapere che cosa rischi e come difenderti? Sei a conoscenza che un tuo collega abbia superato un concorso utilizzando titoli falsi? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis