Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Cosa succede se non vengono pagati i debiti di una società chiusa?

Quando una società viene chiusa, i creditori possono agire nei confronti degli ex soci per riscuotere i debiti pendenti della società estinta. Vediamo insieme qual è la sorte dei soggetti coinvolti.

< Diritto Fallimentare   # Fallimentare  

pagamento dei debiti di una società chiusa approfondimento avvocatoflash

Per rispondere in maniera esauriente alla domanda, bisogna analizzare la problematica da una triplice prospettiva:

  1. la responsabilità patrimoniale della società chiusa;
  2. i creditori della società chiusa;
  3. i debiti erariali della società chiusa.

1. La responsabilità patrimoniale della società chiusa

Alla società cancellata dal registro delle imprese e pertanto chiusa, succedono i soci i quali ereditano i debiti della società chiusa, divenendone responsabili personalmente.

Il regime della responsabilità patrimoniale dei soci di una società chiusa, tuttavia, varia in base all'assetto societario.

Bisogna, infatti, distinguere tra:

  1. la responsabilità personale dei soci nelle società di capitali;
  2. la responsabilità personale dei soci nelle società di persone.

1.1. La responsabilità personale dei soci nelle società di capitali

Con la chiusura di una società a responsabilità limitata (Srl) o di una società per azioni (Spa), i soci non rischiano il proprio patrimonio ma solo quanto versato all'atto di costituzione della società stessa o quanto eventualmente e successivamente versato nel corso della vita sociale.

Ciò in base al principio della responsabilità patrimoniale perfetta che nel nostro ordinamento caratterizza le società di capitali.

Con “l'autonomia patrimoniale perfetta” si realizza una scissione tra il patrimonio della società e quello personale dei soci. Di conseguenza risponde dei debiti sociali soltanto la società con il proprio patrimonio.

I soci, pertanto, risponderanno dei debiti sociali solo nei limiti delle quote societarie e nei limiti di quanto eventualmente percepito a seguito della fase di liquidazione. La quota percepita dai singoli soci con la liquidazione si evince dal bilancio di liquidazione della società.

In pratica, se i soci nulla hanno percepito a seguito della liquidazione della società, nulla rischieranno in quanto il patrimonio personale dei soci resta entità separata e distinta rispetto al patrimonio sociale.

1.2. La responsabilità personale dei soci nelle società di persone

Con la chiusura di una società in accomandita semplice (Sas), in nome collettivo o di una società semplice (società di persone), i soci rischiano il patrimonio personale. Ciò in base al principio di autonomia patrimoniale imperfetta dove, in modo esattamente inverso rispetto a quanto accade nelle società di capitali, il patrimonio dei soci si confonde con il patrimonio sociale.

Con la chiusura della società di persone, pertanto, i soci risponderanno dei debiti sociali rimasti impagati con il patrimonio personale.

2. I creditori della società chiusa

Non tutti i crediti vantati nei confronti di una società chiusa sono "persi".

Come per la responsabilità patrimoniale dei soci di una società chiusa, anche con riferimento all'esigibilità dei crediti di una società chiusa bisogna operare la distinzione.

Pertanto, maggiore difficoltà di recuperare il credito potrebbe incontrare il creditore di una società di capitali: qualora il patrimonio della società dovesse risultare incapiente (la società non ha beni), il creditore non potrà rivalersi nei confronti dei soci.

Il creditore, dunque, non potrà pignorare i beni di quest'ultimi per effetto della scissione dei patrimoni. I creditori, al più, potrebbero avanzare istanza di fallimento innanzi al Tribunale competente.

Più agevole, invece, potrebbe risultare recuperare un credito vantato nei confronti di una società di persone in quanto i soci, per effetto della confusione tra i patrimoni, rispondono dei debiti sociali anche con il proprio patrimonio. Pertanto, una volta appurato che il patrimonio della società non è sufficientemente capiente, il creditore potrà rivalersi nei confronti dei singoli soci.

3. I debiti erariali di una società chiusa

Il destino dei debiti erariali di una società chiusa merita apposita precisazione anche in considerazione del nuovo orientamento della Cassazione a mente del quale i soci di una società chiusa (anche di capitali), rispondono dei debiti non pagati e contratti prima della chiusura della società anche se nulla hanno percepito dal bilancio di liquidazione.

Fonti normative

Art. 10 L.F.

D.Lgs. n. 175/2014

Cassazione SS UU sentenza n. 6071/2013

Cassazione sentenza n. 9672/2018

Sei socio di una società che sta per chiudere e vuoi sapere che ne sarà dei debiti sociali? Sei creditore di una società che sta per chiudere e vuoi sapere che ne sarà dei tuoi crediti? Necessiti di un avvocato specializzato in materia? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.