Il contratto d'affitto d'azienda

Scopriamo come funziona il contratto d'affitto d'azienda in dettaglio.

< Diritto Commerciale e Societario  

Le nozioni di azienda e di impresa devono essere tenute chiaramente distinte, in quanto l’azienda rappresenta un complesso di beni organizzati dall’imprenditore, mentre l’impresa è l’attività svolta da quest’ultimo. La distinzione è importante per capire perché si può parlare di affitto d’azienda: trattandosi di un insieme di beni, essa, al pari di ogni altro bene può formare oggetto di un contratto di affitto.

1. Quali sono i beni aziendali?

Come anticipato, l’azienda è definita dalla legge come quel complesso di beni di cui l’imprenditore si serve per lo svolgimento della propria attività, ma è bene chiarire quando possa effettivamente parlarsi di bene aziendale.

A tal fine non è necessario che sussista un determinato rapporto tra il bene e l’imprenditore, in quanto ciò che consente di qualificare il bene come aziendale è invece il rapporto che sussiste tra il bene stesso ed il processo produttivo: aziendale può dirsi quel bene collegato funzionalmente al processo produttivo dell’impresa, vale a dire quel bene necessario allo svolgimento dell’attività produttiva a prescindere dal rapporto che sussiste tra il bene stesso e l’imprenditore. Non conta quindi che l’imprenditore sia proprietario del bene affinché quel bene possa essere definito come aziendale, ma conta la sua collocazione all’interno del processo produttivo.

Ciò significa che l’imprenditore potrà svolgere la propria attività d’impresa utilizzando beni altrui, senza impedire in questo modo che quei beni siano qualificati come aziendali anche se non sono di proprietà dell’imprenditore; l’importante è che si tratti di beni funzionali allo svolgimento dell’attività produttiva dell’impresa.

I beni cesseranno di essere aziendali nel momento in cui saranno collocati al di fuori del processo produttivo dell’impresa, ad esempio nel caso in cui il proprietario dei beni stessi che, come detto, può non coincidere con l’imprenditore, li venda a terzi. Il proprietario può infatti disporre liberamente dei singoli beni aziendali e decidere di separarli dall’azienda, così come può disporre dell’azienda in sé, cedendo la stessa a terzi.

Altra caratteristica che consente di contraddistinguere i beni aziendali è il fatto che essi siano non solo essenziali allo svolgimento dell’attività d’impresa, ma che lo siano tutti allo stesso modo, dovendo essere i beni collocati su un piano di parità gli uni rispetto agli altri.

2. Affitto d’azienda e locazione di immobile

Alla luce di quanto detto, l’imprenditore può svolgere la propria attività d’impresa anche senza essere il proprietario dei beni aziendali. Affinché ciò sia possibile, è comunque necessario che egli abbia un titolo che gli permetta di utilizzare i beni stessi: potrebbe ad esempio aver sottoscritto un contratto di locazione per i singoli macchinari.

Un’ipotesi che può verificarsi, e che è espressamente disciplinata dal legislatore, è invece quella dell’affitto dell’azienda.

In questo caso oggetto del contratto di affitto non è un singolo bene, bensì l’azienda nel suo complesso, ossia il complesso unitario di tutti i beni organizzati unitariamente e funzionali all’attività produttiva dell’impresa.

Alcuni problemi sono sorti in relazione alla distinzione tra affitto d’azienda e locazione di immobile, in quanto non è sempre agevole comprendere se la sola locazione dell’immobile possa già costituire un affitto d’azienda. Per questo motivo la giurisprudenza ha affermato che, per comprendere se si versi nell’una o nell’altra ipotesi, è necessario effettuare una doppia analisi: da un lato si dovrebbe cercare di capire quale sia l’intenzione dei contraenti e, dall’altro lato, verificare la funzione oggettiva del bene immobile. Se infatti il bene immobile è, al pari degli altri beni, funzionale allo svolgimento dell’attività d’impresa, può trattarsi di affitto d’azienda, mentre, laddove il bene immobile abbia una funzione prevalente e gli altri beni siano semplicemente accessori rispetto ad esso, si avrà semplice locazione di immobile e non affitto d’azienda.

Si ricorda infine che non solo l’intera azienda può essere oggetto di un contratto di affitto, ma anche un suo ramo, avendosi dunque in questo caso un contratto di affitto di ramo d’azienda, intendendosi per ramo d’azienda una parte dell’azienda stessa, rappresentata però da un complesso di beni capace di costituire un’unità produttiva a sé stante.

3. La disciplina del contratto d’affitto d’azienda

Per quanto concerne la disciplina del contratto di affitto d’azienda, il codice civile detta una sola norma specificatamente dedicata a tale contratto, ma può comunque rinviarsi a quanto previsto in generale dalla legge in tema di locazione

Ricordiamo infatti che l’una fattispecie è speciale rispetto all’altra, essendo l’affitto un particolare tipo di locazione avente ad oggetto beni produttivi, quindi può ritenersi che in caso di affitto d’azienda possano applicarsi l’una o l’altra disciplina in quanto compatibili.

Per quanto concerne in particolare il contratto d’affitto d’azienda, l’affittuario è tenuto a gestire l’azienda senza mutarne la destinazione, preservando l’efficacia della sua organizzazione e dei suoi impianti. Ciò significa che l’affittuario non potrà lasciare l’azienda improduttiva, ma dovrà comunque garantire che i beni svolgano la propria funzione, assicurando lo svolgimento dell’attività aziendale.

Nel caso in cui egli non rispetti tali doveri, i quali sussistono per l’intera durata del rapporto contrattuale, il locatore potrà domandare la risoluzione del contratto di affitto d’azienda, come espressamente sancito dalla disciplina generale in tema di affitto.

Fonti normative:

- 2555 cod. civ.

- 2562 cod. civ.

- 1615 – 1627 cod. civ.

- 1571 – 1614 cod. civ.

- 1618 cod. civ.

Vuoi stipulare un contratto di affitto d’azienda e non sai come fare? Hai affittato la tua azienda, ma l’affittuario non adempie i suoi doveri? Hai bisogno di un avvocato specializzato in diritto commerciale a Milano? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati. Tre di loro ti invieranno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.

AvvocatoFlash

In Italia ora c’è AvvocatoFlash, innovativa piattaforma di connessione e collegamento tra clienti ed avvocati, che viene incontro alla sempre più avvertita esigenza di avere una via facile e sicura per scegliere in modo consapevole il proprio avvocato.

Il suo funzionamento è semplice, trasparente e del tutto gratuito. L’utente che desidera scegliere il proprio avvocato su AvvocatoFlash deve solo svolgere facili e veloci operazioni:

  1. Raccontare il proprio caso. L’utente espone in modo anonimo e riservato ad AvvocatoFlash i motivi per cui è alla ricerca di un avvocato e racconta il suo problema legale;
  2. Ricevere tre preventivi. Egli viene quindi contattato in breve tempo da tre avvocati (accuratamente scelti in relazione alla specifica problematica esposta) che, ascoltate le sue necessità, gli offrono gratuitamente i loro preventivi;
  3. Scegliere l’avvocato giusto. Valutati e confrontati i tre preventivi, l’utente può quindi scegliere in modo consapevole l’avvocato che meglio si adatta alle sue necessità. Egli può anche decidere di non scegliere nessun avvocato ed anche in questo caso non perderà nulla, il servizio resta del tutto gratuito.

Occorre evidenziare che il team di AvvocatoFlash, una volta ricevuta la richiesta di un utente, svolge approfondite valutazioni circa la natura del caso ricevuto: ne analizza la difficoltà, valuta le materie rilevanti, considera i possibili sviluppi, etc. Questa operazione permette di individuare i tre avvocati migliori per affrontare e risolvere la specifica problematica esposta dal cliente. I professionisti sono selezionati, infatti, sulla base di diversi fattori, come la loro competenza, i campi del diritto in cui sono maggiormente esperti, o la pregressa esperienza in casi simili a quello proposto.

AvvocatoFlash, inoltre, mette a disposizione i contatti utili dei legali, per fissare con loro un colloquio in modo da velocizzare ed agevolare il rapporto con il cliente.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 [email protected]

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.