Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Guida sulle truffe online: come riconoscere una truffa

I siti truffa non danneggiano solo i clienti che si affidano ai siti stessi, ma anche le aziende. Sono molteplici le marche che ogni anno si trovano a combattere contro i loro fake, ma ciò sembra non bastare. Tanti ne chiudono e tanti ne nascono.

< Attualitá   # TruffeOnline  

In questa seconda parte della guida sulle truffe online analizzeremo come riconoscere le truffe più diffuse e utilizzate nel mondo online.

1. Come riconoscere i siti truffa?

Non c’è modo di contrastare le truffe online ma, identificandole, possiamo starne alla larga non gravando né su di noi, né sulle grandi marche che vedono vendute squallide imitazioni a prezzi ridicoli.

Di seguito 10 consigli da seguire per capire se il sito web in cui siete capitati è una trappola.

  1. I prezzi ridicoli (anche se non bastano più). Come accennato nel capitolo precedente con l’esempio del sito di Pandora Store, se un oggetto della nuova collezione è venduto già al 50% di sconto c’è qualcosa che non va.

    Oltre ad averlo capito i clienti, lo hanno capito anche i truffatori, che si sono fatti furbi. Difatti, il “nuovo” metodo adottato, è fornire immagini fuorvianti del prodotto, cosicché sembri originale, scontandolo di poco meno del suo prezzo reale. Anche solo un 10% o 15% in meno su un ciondolo Pandora, attirerà numerose clienti. Fate attenzione: questo potrebbe essere il primo campanello di allarme.

  2. Il posizionamento sui motori di ricerca. È molto rilevante valutare dove si trova un sito web nel posizionamento sui motori di ricerca. Anche in questo caso, fate molta attenzione: se il sito ufficiale di Pandora vi proporrà un oggetto ad un certo prezzo, non fatevi abbindolare dai siti che seguono nella pagina dove vi offriranno prodotti a un prezzo ribassato anche di poco.
  3. L’ortografia. Un modo per scovare un sito truffa è facendo attenzione se il sito web in questione è scritto in un italiano corretto. Difficile che i truffatori siano italiani quindi, se saranno presenti errori grammaticali anche minimi, saprete che non si tratta del sito web affidabile.
  4. Il dominio. Anche se ad oggi è più facile procurarsi un dominio simile al sito ufficiale, un’occhiata al dominio del sito web su cui state cliccando non guasta mai.
  5. L’accuratezza delle informazioni. Controllate sempre se il sito web contiene tutte le informazioni necessarie. Molto probabilmente, i truffatori che allestiscono un sito fake, non si preoccuperanno di inserire informazioni come “FAQ”, “About us”, “Privacy”, “Cookie Policy”, ecc.
  6. Informazioni pratiche. non devono mai mancare le informazioni come: le condizioni di restituzione della merce e le condizioni di pagamento. PayPal corrisponde ad un indice di serietà. Questi sono obbligatori per legge, difatti si richiede che i termini e le condizioni siano indicati nel modo più chiaro possibile.
  7. Chi siamo. il “Chi siamo?” in un sito web è fondamentale. In questa sezione, vengono spiegate le informazioni relative all’azienda, come il numero di partita Iva e dove ha sede legale.
  8. Contatti. Sempre nella sezione delle informazioni, deve essere presente il modo per contattare l’azienda in questione, indicando sia il numero di telefono sia la Queste, sono sempre un indice di serietà.
  9. Https, dove la S sta per Sicurezza. Sempre meglio affidarsi a siti web che hanno dominio https e non http.
  10. Pagamento con PayPal. Come accennato nel punto 6, il pagamento tramite PayPal corrisponde ad un indice di serietà e non solo. Molte truffe passano attraverso i negozi virtuali, come ad eBay, che non può garantire direttamente per i venditori che usano il suo sito web per vendere un prodotto.

    A discapito sia di eBay sia del povero cliente, un oggetto potrebbe non arrivare mai o essere falso. In questi casi, PayPal viene in soccorso del cliente. Scegliendo il metodo di pagamento tramite PayPal, se un oggetto dovesse arrivare fallato o non arrivare proprio, grazie alla sua formula di Protezione, vi verrà restituito l’intero importo pagato una volta fatti i dovuti controlli.

Fonti

https://it.businessinsider.com/truffe-online-10-consigli-per-evitarle/

Sei stato vittima di una truffa online? Pensi di aver riconosciuto una truffa ma vuoi vederci più chiaro? Necessiti di un legale specializzato nelle truffe online? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis