Il cd. divorzio breve è stato introdotto in Italia dalla legge n.55 del 6 maggio 2015 che permette di ridurre notevolmente i tempi per sciogliere il matrimonio , non essendo, tra l’altro, più necessario rivolgersi al Tribunale.

divorzio breve in comune

Alle condizioni che andremo ad approfondire di seguito, gli ex coniugi potranno ricorrere alla negoziazione assistita o rivolgersi direttamente al Sindaco del Comune in cui il matrimonio è stato celebrato, con un notevole risparmio di tempo e di spese legali.

1. Come funziona il divorzio breve in comune?

I coniugi potranno concludere davanti al Sindaco, o del comune di residenza di uno di loro o di quello presso cui è stato celebrato il matrimonio, un accordo di separazione, divorzio o modifica delle condizioni dei provvedimenti precedenti senza, dunque, la necessità di rivolgersi ad un avvocato divorzista.

Dal punto di vista giuridico, tale accordo avrà la stessa valenza di un provvedimento emanato dal Giudice. In caso di separazione o divorzio, il sindaco, una volta ricevuto l’accordo e, non prima di 30 giorni dalla ricezione, invita i coniugi a comparire davanti a lui per la conferma definitiva.

2. Quando è possibile divorziare in comune?

Tuttavia, come anticipato, i coniugi potranno ricorrere a tale “modalità” di divorzio nei seguenti casi:

  • non vi siano figli minori;
  • non vi siano figli maggiorenni portatori di handicap grave o incapaci;
  • non vi siano figli maggiorenni non economicamente autosufficienti;
  • l’accordo di separazione non contiene patti di trasferimento patrimoniale come la divisione dei beni mobili e immobili acquistati durante il matrimonio ecc.., ad eccezione dell’assegno di mantenimento che invece può essere corrisposto al coniuge con il reddito più basso.

Se non è possibile, per le suddette eccezioni, richiedere il divorzio in Comune, i coniugi potranno in ogni caso procedere attraverso la richiesta in Tribunale o la negoziazione assistita di un avvocato divorzista per parte.

3. Quanto si paga per il divorzio in comune?

Il costo di un divorzio in Comune è di 16 euro, pari ai diritti da versare all’ufficio di stato civile.

Stai affrontando un divorzio breve e hai bisogno di un avvocato divorzista? Non ti è chiara la differenza tra divorzio giudiziale e divorzio breve? Non conosci le tempistiche del divorzio giudiziale e necessiti di una consulenza di un avvocato?

Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.