Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Periodo di comporto e malattia: quando un lavoratore può essere licenziato

La malattia prolungata, entro il periodo di comporto, non può essere causa di licenziamento.

< Diritto del Lavoro   # LicenziamentoPerMalattia   # DirittiDelLavoratore  

licenziamento durante il periodo di comporto e malattia approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato del lavoro? Tramite AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato del lavoro in breve tempo.

1. Che cos’è il periodo di comporto

Il cosiddetto periodo di comporto è quel periodo di tempo di sospensione dal lavoro in cui il lavoratore subordinato, a tempo determinato o indeterminato, part time o full time, ha a disposizione a causa di una malattia o di un infortunio, con il diritto del mantenimento del posto di lavoro e della contribuzione. Di contro si avrà quindi il divieto da parte del datore di lavoro di licenziare il lavoratore durante la sua assenza.

La ragione di fondo si trova nella tutela dei diritti fondamentali del lavoratore quale individuo e cittadino, costituzionalmente preminenti sull’obbligazione lavorativa, come il diritto alla salute.

La durata del periodo di comporto è fissata dai contratti collettivi, tenendo conto della qualifica o dell’anzianità di servizio e dalla particolarità della malattia, a seconda dei casi, o in mancanza dal giudice secondo equità.

Nel periodo di comporto vanno computati i giorni solari compresi quelli festivi o di sciopero.

Si distinguono 2 tipi di comporto:

  • secco o continuativo, relativo ad un unico periodo di malattia continuato;
  • per sommatoria o improprio relativo alle malattie reiterate, in questo caso il licenziamento è legittimo se i vari episodi di malattia, verificatesi entro un determinato periodo di tempo superino il periodo di comporto improprio.

Nel contratto a tempo determinato la legge impone limiti di durata al trattamento economico di malattia.

1.1 Il licenziamento

Solo a termine di questo periodo di assenza, il datore di lavoro ha il diritto e quindi facoltà, di licenziare, previo preavviso, il lavoratore qualora l’assenza si prolunghi ulteriormente.

Se superato il periodo di comporto il datore di lavoro non ha provveduto ad intimare il preavviso di licenziamento e il lavoratore, una volta guarito, torna al lavoro per un congruo lasso di tempo, non è più consentito il licenziamento, perché il datore di lavoro ha ritenuto nei fatti di poter tollerare un’assenza più lunga di quella prevista dal periodo di comporto.

Vi sono delle situazioni particolari, che vanno valutati caso per caso, in cui è possibile evitare il licenziamento pur avendo terminato il periodo di comporto e lo stato di malattia persiste. Ad esempio, è possibile chiedere le ferie maturate oppure un congedo non retribuito, rimane facoltà però del datore di lavoro concedere o meno queste richieste.

Se il licenziamento avviene durante il periodo di comporto, credendo che questo sia terminato, allora deve ritenersi ingiustificato e quindi nullo per violazione delle disposizioni di legge.

Se il licenziamento per giusta causa avviene durante il periodo di comporto (ad esempio per crisi aziendale o il lavoratore abbia avuto un comportamento particolarmente grave da fa venir meno il rapporto di fiducia con il datore di lavoro) è valido ed immediatamente efficace.

1.2 La malattia

La malattia o l’infortunio per colpa del datore di lavoro, cioè a seguito di un infortunio sul lavoro o nel caso di malattia professionale, non generano il periodo di comporto. Ovviamente, spetterà al lavoratore l’onere di provare che la malattia sia derivata dalla violazione di obblighi del datore di lavoro.

In questo caso il lavoratore non può essere mai licenziato, può assentarsi da lavoro per tutta la durata della malattia senza essere vincolato dal termine del periodo di comporto.

Per malattia, si intende qualsiasi situazione in cui la prestazione lavorativa sia incompatibile con la salvaguardia della salute del lavoratore, rifacendosi a quelle situazioni che impediscono il corretto svolgimento dell’attività lavorativa.

Vi sono poi delle malattie previste dalla legge che per la loro particolare gravità vanno ad eccedere il normale periodo di comporto, ovviamente bisogna sempre avvertire tempestivamente il datore di lavoro, prima che questi possa recedere dal contratto di lavoro.

1.3 Adempimenti INPS

La malattia o l’infortunio deve essere tempestivamente comunicata al datore di lavoro, normalmente entro 2 giorni, comprovata dal certificato del medico curante, il quale deve trasmettere il certificato per via telematica on line, contenente l’indicazione della diagnosi, l’inizio e la presunta durata della malattia e l’indicazione del domicilio per l’effettuazione dei relativi controlli fiscali.

Bisogna avvertire anche all’istituto previdenziale se questi è tenuto ad erogare il trattamento di malattia.

L’inosservanza di tali obblighi comporta la perdita dell’indennità Inps per i giorni di ritardo, salvo che il ritardo sia giustificato da comprovate ragioni. In mancanza l’assenza dal lavoro risulta ingiustificata con le relative conseguenze disciplinari, retributive e quindi anche la perdita del posto di lavoro.

Il lavoratore nei primi 3 giorni, cosiddetto periodo di carenza, percepisce un’indennità di malattia direttamente dal su datore di lavoro se la malattia si protrae l’indennità viene corrisposta direttamente dall’Inps.

Fonti normative

Artt. 32 co. 1 e 38 Cost.

Artt. 2110 e 2011 c.c.

L. n. 68/1999

L. n. 638/1983

Cass. n. 7023/2000

Cass. n. 5413/2003

Cass. S.U. n.14020/2001

Cass. S.U. n.12568/2018

Ti trovi in una condizione di disabilità o di una malattia professionale e vuoi sapere quali sono i tuoi diritti e le tue tutele sul posto di lavoro? Sei stato licenziato ingiustamente? Necessiti di un avvocato del lavoro? Esponici il tuo caso Avvocatoflash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.