Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Come calcolare e a quanto ammonta l’assegno di disoccupazione?

Per poter calcolare l’importo della NASpI, la Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego, è necessario tenere in considerazione diversi fattori legati sia alle ultime retribuzioni ricevute, sia ai contributi versati.

< Diritto del Lavoro   # AssegnoDisoccupazione  

1. Come si calcola l’assegno di disoccupazione?

In primo luogo, bisogna essere in possesso delle buste paga relative agli ultimi quattro anni di lavoro, in modo da poter calcolare per questo lasso di tempo il reddito imponibile previdenziale: in busta paga, quest’ultimo, è dato dalla somma di tutte gli elementi presenti sotto la colonna delle Competenze (Malattia, Maternità, Assegno per il nucleo famigliare, Donazione di sangue, Congedo Matrimoniale, Cassa Integrazione, Mobilità, Disoccupazione).

Successivamente, l’imponibile previdenziale totale degli ultimi quattro anni va diviso per il numero delle settimane effettive di contribuzione, a seconda di quanto si è lavorato nel quadriennio in questione, tenendo presente che in un anno si ricevono 12 mensilità, vale a dire 52 settimane complessive di contribuzione.

Il numero ottenuto dal rapporto tra imponibile previdenziale e numero di settimane contributive va poi moltiplicato per un coefficiente fisso dato dal numero 4,33: si ottiene così un risultato che rappresenta il totale della retribuzione mensile su cui viene calcolato il NASpI.

Questo risultato, va confrontato con un importo specifico che viene stabilito annualmente sulla base della variazione dell’indice ISTAT, che per il 2017 ammonta a 1195 Euro. Se la retribuzione mensile è inferiore a 1195 Euro, il lavoratore riceve un assegno NASpI che ammonta al 75% della retribuzione stessa; se il risultato è invece superiore a 1195 Euro, allora l’assegno NASpI sarà dato dal 75% più il 25% della differenza tra la retribuzione mensile e l’importo di 1195 Euro. Il totale della NASpI, comunque, non può superare una certa soglia, che anche in questo caso viene valutata anno per anno e che per il 2017 ammonta a 1300 Euro al mese.

Per richiedere la NASpI, esistono tre modalità:

  • attraverso il sito web dell'Inps;
  • attraverso il Contact Center integrato INPS - INAIL;
  • attraverso i servizi telematici degli Enti di Patronato.

La domanda dev'essere presentata entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

2. Calcolo NASpI: un esempio concreto

Cerchiamo, con un esempio, di rendere più semplice tutta la serie di passaggi necessari al calcolo dell’assegno di disoccupazione NASpI. Diciamo che negli ultimi quattro anni un dipendete ha lavorato per un totale di 24 mesi, che corrispondono a 104 settimane (ricordiamo che 13 settimane rappresentano il livello minimo necessario per poter accedere all’indennità di disoccupazione), e che l’imponibile previdenziale corrisponde a 800 Euro mensili.

L’imponibile totale del prestatore di lavoro, è dato da 800 Euro * 24 mesi = 19200 Euro.

Ergo, la sua retribuzione mensile corrisponde, come detto, al rapporto tra l’imponibile totale e il numero di settimane contributive, moltiplicato per il coefficiente 4,33: quindi 19200/104 = 184,6 * 4,33 = 799,3 Euro.

Il risultato è inferiore all’importo specifico annuale di 1195 Euro, di conseguenza la NASpI del lavoratore, in questo caso, ammonta al 75% di 799,3, vale a dire 599,4 Euro.

Se invece la retribuzione mensile fosse stata di 1300 Euro, dunque superiore alla soglia di 1195, la NASpI sarebbe stata costituita dal 75% di 1300 Euro, cioè 975, più il 25% della differenza tra la retribuzione mensile e 1195. Dunque: 1300-1195 = 105. Il 25% di 105 è dato da 26,25, numero che va sommato a 975 per ottenere infine 1001,25 Euro, che rappresentano il totale mensile della NASpI spettante al lavoratore.

Va sempre tenuto a mente che l’importo dell’assegno NASpI si riduce nel corso del tempo: per i primi tre mesi viene percepito interamente, mentre a partire dal novantunesimo giorno subirà una riduzione mensile del 3%, fino alla scadenza dell’indennità dopo 24 mesi.

Le piattaforme web legali, hanno il compito di agevolare ed aiutare un soggetto in difficoltà e, in questo caso specifico, consigliamo di rivolgersi ad un avvocato online esperto in diritto del lavoro per avere una consulenza legale che chiarisca ogni dubbio. Difatti, l’assistenza di un avvocato specializzato in materia, può evitare di incappare in problemi irrisolvibili prima che sia troppo tardi.

Fonti normative

Legge 183/2014 (Jobs Act)

D.Lgs. 15 settembre 2017, n. 147

Vuoi avere più informazioni in merito all’assegno di disoccupazione? Non riesci a calcolare a quanto ammonterebbe l’assegno di disoccupazione e hai bisogno di aiuto? Necessiti di un avvocato specializzato in diritto del lavoro e non sai a chi rivolgerti? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatti con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il caso.

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis