Quali sono i redditi da dichiarare nel 730?

Con la dichiarazione dei redditi il contribuente comunica al Fisco i redditi che sono stati percepiti nel corso dell’anno precedente e sui quali verranno calcolate le imposte.

< Diritto Civile   # DichiarazioneRedditi   # Modello730  

 modello 730 dichiarazione dei redditi approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato civilista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato civilista in breve tempo.

In caso di omessa presentazione, il contribuente sarà soggetto a sanzioni. Tale omissione potrà essere sanata con il cosiddetto ravvedimento operoso.Nel caso in cui, invece, il contribuente dovesse accorgersi di aver commesso degli errori o delle dimenticanze, lo stesso potrà operare correzioni e/o integrazioni con la cosiddetta dichiarazione dei redditi integrativa.

1. I redditi da dichiarare nel 730

I redditi che devono essere dichiarati dai contribuenti e sui quali verranno calcolate le imposte sono i seguenti:

  1. redditi derivanti dal possesso di terreni;
  2. redditi derivanti dal possesso di fabbricati, anche se trattasi di abitazione principale;
  3. redditi da lavoro dipendente e/o assimilati e redditi da pensione;
  4. redditi di capitale, redditi da lavoro autonomo non derivante da attività professionale, redditi diversi (esempio redditi di terreni e fabbricati situati all’estero) e redditi soggetti a tassazione separata (esempio redditi percepiti dagli eredi).

2. I redditi da non dichiarare nel 730

Ci sono dei redditi, definiti dal legislatore “esenti”, che non devono essere dichiarati dal contribuente e, come tali, esclusi dalla tassazione. Questi sono:

  1. le rendite inail, ad eccezione dell’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta. Il titolare di rendita corrisposta da organismi non residenti a causa di malattie professionali o infortuni è tenuto esclusivamente a presentare presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate un’autocertificazione attestante la natura risarcitoria dell’indennità percepita, rimanendo la stessa esente da tassazione;
  2. le pensioni erogate ai cittadini invalidi e ai congiunti di cittadini italiani deceduti a causa di scoppio di armi e ordigni lasciati incustoditi dalle Forze Armate in occasione di esercitazioni;
  3. le pensioni erogate a cittadini italiani, stranieri e apolidi divenuti invalidi nell’esercizio del loro dovere o a seguito di attentati terroristici o di criminalità organizzata;
  4. le pensioni di reversibilità erogate ai superstiti delle vittime del dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata;
  5. le pensioni tabellari erogate per menomazioni subite durante il servizio militare;
  6. le pensioni tabellari erogate ai Carabinieri ausiliari per servizio nella Polizia di Stato, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza e militari volontari in caso di menomazioni subite nel corso del servizio di leva;
  7. la maggiorazione sociale sulla pensione;
  8. gli assegni di maternità per donne disoccupate;
  9. l’indennità di mobilità per il soggetto reinvestito nella costituzione di società cooperative;
  10. gli assegni per collaborazioni ed attività di ricerca a favore di università, enti pubblici e di ricerca;
  11. le borse di studio erogate agli studenti universitari, dottori di ricerca, studenti partecipanti a corsi di perfezionamento all’estero e studenti erasmus.

Fonti

Agenzia dell'entrate

Si avvicina la scadenza per la presentazione della dichiarazione dei redditi e vuoi maggiori delucidazioni? Vuoi sapere se un determinato reddito percepito dovrà essere dichiarato? Vuoi sapere se un determinato reddito percepito è esente da tassazione? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.