L’atto di citazione è l’atto di impulso del giudizio civile, in cui la parte attrice avanza le proprie pretese nei confronti del convenuto. Cosa significa? In cosa consiste? Scopriamolo insieme!

notifica atto di citazione a

Hai bisogno di un avvocato civilista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato civilista in breve tempo.

L’instaurazione del processo civile mira a soddisfare una pretesa nei confronti di un’altra persona, la cui collaborazione sarebbe essenziale. Pensiamo al pagamento di una somma di denaro - il creditore non può, da solo, costringere con la forza a esser pagato di ciò che gli spetta.

Infatti, l’intervento coattivo dello Stato diventa necessario, che avviene a seguito di una richiesta esplicita da parte del creditore (c.d. attore) e dell’emissione di una sentenza da parte del giudice. Come si fa a dare avvio a questa procedura? Ci viene in aiuto l’atto di citazione.

Che cos’è un atto di citazione

L'atto di citazione è il documento processuale che dà il via al processo civile. È presentato da colui o colei che vuole far valere un suo diritto nei confronti di qualcun altro. Pensiamo al pagamento di una somma derivante dalla conclusione di un contratto - l’assenza dell’adempimento comporta la possibilità di esigere il pagamento in via processuale.

L’atto di citazione ha una duplice funzione:

  • Permette di mettere in chiaro e tenere ferme le richieste dell’attore e delle sue relative ragioni/prove;
  • Possibilità di difendersi in tribunale (c.d. contraddittorio) ed eventualmente di avanzare, a sua volta, altre richieste.

Infatti, il contenuto consiste nell’indicazione di tutti gli estremi per permettere al convenuto di difendersi e di far valere le sue possibili pretese. Quali sono le formalità da adempiere? Vediamole insieme.

Adempimenti formali

L’attore deve comunicare sia al convenuto, sia all’ordinamento, la sua volontà di intraprendere una causa. Per questo motivo, la normativa prevede due fattispecie distinte e separate:

  • la notifica (o notificazione) - è la comunicazione dell’attore nei confronti del convenuto della sua volontà di intraprendere una causa contro di lui, l’indicazione dell’oggetto della domanda e dei mezzi di prova che l’attore presenterà durante il processo;
  • il deposito - è la trasmissione all’organo giudicante competente della notifica e delle prove che intende presentare durante il processo per far valere le proprie pretese. L’obiettivo è quello di comunicare l’intenzione di avviare un processo civile al giudice.

Affinché sia valida la notifica dell’atto di citazione, questa deve avvenire nelle forme stabilite dalla legge. Queste possono essere:

  • esecuzione dall’ufficiale giudiziario, il quale opera su richiesta di parte, del pubblico ministero o del cancelliere con consegna al destinatario;
  • tramite PEC, che deve essere spedita o da un avvocato o, nei pochi casi previsti dalla legge, dallo stesso attore qualora la legge gli riconosca la possibilità di agire da solo.

Inoltre, la notificazione deve contenere, a pena di nullità, l'istanza di parte o del difensore munito di procura, o la richiesta del PM o del cancelliere, il soggetto che la consegna, o l'ufficiale giudiziario, la relazione di notifica. Una volta notificata la propria intenzione di intraprendere una causa nei confronti del convenuto, l’attore dovrà presentare formalmente le prove che saranno oggetto di contraddittorio durante il processo. In tal senso, si parla di costituzione delle parti.

Costituzione delle parti

La costituzione delle parti è il documento col quale l’attore o il convenuto presenta le argomentazioni e le prove correlate alla sua pretesa. Questo documento non necessariamente deve essere presentato contemporaneamente con la notificazione, ma può avvenire in un secondo momento, vale a dire:

  • per l’attore - entro 10 giorni dalla notificazione della citazione al convenuto o 5 giorni, qualora l’avvocato riesca a provare l’urgenza del provvedimento;
  • per il convenuto - almeno 20 giorni prima dell’udienza di comparizione fissata nell’atto di citazione o 10 giorni, qualora sia stata approvata la procedura di urgenza.

Sebbene il convenuto debba difendersi dalle pretese dell’attore, la normativa gli dà potere di avanzare, a sua volta, delle richieste, facendo sì che lui diventi attore. In tal senso, si parla di “domanda riconvenzionale”.

Affinché il convenuto possa anche “attaccare” l’attore e non solo difendersi, questa deve essere presentata negli stessi termini della comparsa di risposta. Qualora non accada, il convenuto perde il suo diritto di presentare domande riconvenzionali. Ciò significa che, qualora voglia far valere un suo diritto nei confronti dell’attore, dovrà presentare a sua volta un atto di citazione e intraprendere una nuova causa.

Novità Legislative

Il Parlamento, nel 2021, ha approvato la Legge n. 206, con la quale ha conferito al Governo, la delega ad emanare una serie di provvedimenti volti a riformare il processo civile. Nello specifico, la Legge di Delega, prevede che il Governo, entro un anno dalla sua entrata in vigore, sia tenuto ad emanare uno o più decreti legislativi, con i quali modificare la disciplina relativa al processo civile, allo scopo di semplificare e rendere più efficiente e celere i procedimenti instaurati dinanzi alla giustizia civile, rispettando i principi della ragionevole durata del processo nonché la garanzia del contraddittorio e l’effettività della tutela delle parti dinanzi al giudice.

Le modifiche alle norme contenute nel codice di procedura civile, investono anche l’atto di citazione, infatti la Legge Delega, prevede che nei procedimenti di primo grado, instaurati dinanzi al giudice monocratico:

  • l’atto di citazione, deve esporre in modo chiaro ed specifico, quali sono i fatti e gli elementi di diritto, posti alla base della domanda giudiziale;
  • l’atto di citazione, fin da subito, dovrà contenere l’indicazione dei mezzi di prova, di cui l’attore vuole avvalersi nonché indicare i documenti che offre in comunicazione;
  • l’atto di citazione, dovrà contenere l’ulteriore avvertimento relativo alla difesa obbligatoria in giudizio da parte di un avvocato (fatta eccezione per il caso in cui il convenuto sia a sua volta un difensore iscritto all’albo forense) con l’indicazione che il convenuto, ove sussistano i requisiti indicati dalla legge, può ricorrere al Gratuito Patrocinio a spese dello Stato;
  • la comparsa di costituzione e risposta da parte del convenuto, deve anch’essa fin da subito, contenere le proprie difese nonché precisare le eccezioni alle domande proposte dall’attore nell’atto di citazione, indicando i mezzi di prova e quali documenti, intenda avversi il convenuto medesimo;
  • a tal fine, si prevede che l’attore possa integrare il proprio atto introduttivo, proponendo tutte le domande ed eccezioni in risposta della difesa del convenuto ovvero in risposta ad una sua domanda riconvenzionale;
  • nell’integrazione dell’atto di citazione, l’attore può indicare anche i nuovi mezzi di prova ed i documenti da porre all’attenzione del giudice adito nonché effettuare la chiamata in causa del terzo, quale conseguenza della difesa del convenuto.

Fonti normative

Art. 163, 165, 166, 167, 168, c.p.c.

Art. 104 D.P.R. 1229/1959

Hai ricevuto un atto di citazione e vuoi verificare se sia valido o meno? Vuoi intraprendere una causa per far valere i tuoi diritti? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.