Marchio di colore: si può registrare?

È possibile registrare come marchio un colore o la combinazione di più colori, in quanto il colore è in grado di conferire un’efficacia distintiva ad un prodotto o ad un servizio.

< Diritto Civile   # MarchioColore   # RegistrazioneMarchio  

marchio di colore approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato civilista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato civilista in breve tempo.

1. Cos’è il marchio di colore

Il marchio di colore rientra nei tipi di marchio che è possibile registrare ed è identificato da un marchio costituito unicamente dal colore o da combinazioni di colori, privo di scritte e immagini. Infatti, secondo il regolamento dell’Unione Europea sul marchio, possono costituire marchi tutti i segni, compresi i colori, purché distinguano i prodotti o i servizi di una impresa da quelli di altre imprese. Inoltre, deve consentire al pubblico e alle autorità competenti di riconoscere in modo chiaro l’oggetto della protezione garantita al titolare del marchio.

2. Il marchio di colore: la disciplina

Anche in Italia, il Codice Della Proprietà Industriale, nella Sezione Marchi, all’articolo 7, stabilisce che sono oggetto di registrazione come marchio d'impresa, tutti i segni che possono essere rappresentati graficamente e in particolare le combinazioni o le tonalità cromatiche, purché vadano a distinguere i prodotti o i servizi di una determinata impresa.

In Italia è possibile registrare il proprio marchio presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.

Il Tribunale dell’Unione dell’Europea, con sentenza del 30 novembre 2017, pronunciandosi nelle cause riunite T 101/15 e T 102/15, ha chiarito i requisiti a cui un colore o una combinazione di colori devono rispondere per costituire validamente un marchio:

  • il colore deve costituire un valido segno così da evitare che il marchio sia utilizzato per ottenere un indebito vantaggio concorrenziale;
  • il segno deve poter essere oggetto di rappresentazione grafica (cioè raffigurato secondo uno schema specifico, che associa i colori in modo predeterminato e costante, così da evitare numerose combinazioni diverse che non consentirebbero al pubblico di percepire e di memorizzare la precisa combinazione che si vuole registrare);
  • il segno deve essere idoneo a distinguere i prodotti o servizi di una determinata impresa da quelli di altre imprese.

3. Il marchio di colore: il carattere distintivo

Un marchio per essere registrato deve essere nuovo, cioè non deve già esistere e inoltre deve essere lecito, cioè non deve offendere altri o il buon costume. Ma il carattere principale del marchio di colore è proprio il carattere distintivo che il colore conferisce al prodotto identificandolo. La capacità distintiva viene acquisita, e quindi si ha la registrazione del marchio di colore, quando la massiccia utilizzazione dello stesso fa sì che il pubblico associ quello specifico colore ad un prodotto e ad una determinata impresa. Quindi, il carattere distintivo viene acquisito tramite l’uso del marchio.

È necessario però, comparare il diritto ad essere titolari di un marchio con l’interesse generale alla libera disponibilità del medesimo colore. La registrazione di un colore specifico come marchio, è ammessa solo quando non restringe indebitamente la disponibilità di colori per gli altri soggetti che offrono prodotti o servizi dello stesso genere di quello oggetto della domanda di registrazione.

Quindi, occorre tenere conto della percezione del pubblico, poiché il marchio deve essere idoneo ad identificare il servizio o il prodotto per il quale si chiede la registrazione al fine di distinguerlo dagli altri segni distintivi.

Infatti, i colori puri, privi cioè di variazioni cromatiche, non possono essere registrati solo da alcuni soggetti vietandone così l’uso a tutti gli altri, salvo casi eccezionali. È necessario considerare che oggi i colori e le combinazioni cromatiche sono sempre più utilizzati per identificare i prodotti nel mercato. Un esempio è dato dal riferimento al “blu” Tiffany o al “rosso” Louboutin.

Per quanto riguarda le suole rosse delle calzature Louboutin, la domanda di registrazione del rosso come marchio è stata ritenuta valida in quanto tale colore, nell’uso proposto, è suscettibile di essere percepito dal pubblico come fortemente identificativo e distintivo del brand.

Quindi in casi eccezionali è possibile e lecito registrare come marchio anche solo un colore.

Martina Rapone

Fonti Normative

Decreto legislativo, 10/02/2005 n° 30 - Codice Della Proprietà Industriale

Regolamento UE 2017/1001

Sentenza del 30 novembre 2017 il Tribunale dell’Unione dell’Europea cause riunite T 101/15 e T 102/15

Regolamento CE 207/2009

Sentenza della Corte di Giustizia UE del 6 maggio 2003 caso C-104/01, Libertel

Vorresti registrare un marchio di colore e non sai come fare? Non conosci i requisiti che il marchio di colore deve avere per essere registrato? Vorresti utilizzare come marchio un colore puro? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.