Diversi tipi di divorzio e cosa fare

// Diritto Civile  
# DivorzioGiudiziale   # DivorzioBreve   # DivorzioCongiunto   # Divorzio  

Dirsi addio, si sa, non è mai cosa semplice...

...ed è per questo che il legislatore è recentemente intervenuto nel tentativo di risollevare le sorti dei coniugi che si trovino ad assistere impotenti alla definitiva disgregazione del proprio vincolo matrimoniale, prevedendo nuove procedure semplificate volte all’accelerazione dei tempi ed allo smaltimento delle innumerevoli pratiche di divorzio che troppo spesso prendono polvere nei tribunali.

1. Il Divorzio Congiunto (Divorzio Consensuale)

Il primo salvifico decreto legge cui ci riferiamo è il n.132/2014 che introduce il divorzio consensuale prevedendo la negoziazione assistita di un avvocato e consentendo ai coniugi di eludere il controllo di un giudice e concedendo loro una prerogativa che offra numerosi vantaggi in termini di velocità e riduzione dei costi, ossia quella di formalizzare e sottoscrivere essi stessi un accordo nel quale confluiscano le reciproche intenzioni e volontà: ai coniugi che siano addivenuti ad una previa e comune conclusione circa l’inevitabile necessità di sciogliere il proprio vincolo matrimoniale basterà dunque rivolgersi a degli avvocati divorzisti (uno per parte) i quali, dopo aver innanzitutto tentato una conciliazione ed averli informati circa la possibilità di ricorrere alla mediazione familiare, dovranno guidare la coppia che intende divorziare nella fase di negoziazione assistita fino alla conclusione di un accordo che verrà depositato in copia autenticata presso il comune nel quale il matrimonio è stato trascritto o iscritto e sostituirà formalmente la più classica sentenza di divorzio.

La procedura si complica sensibilmente nei casi in cui a ricorrere al divorzio congiunto siano coniugi con figli minori o maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ma anche maggiorenni non autosufficienti economicamente:

  1. In queste ipotesi sarà necessario sottoporre l’accordo all’attenzione del Procuratore della Repubblica del Tribunale competente, il quale avrà a sua disposizione dieci giorni di tempo per esprimere la propria autorizzazione o il proprio diniego. In quest’ultimo caso, ossia quello in cui l’accordo dei coniugi non dovesse tener adeguatamente conto delle esigenze dei figli e tantomeno tutelarli come opportuno, al Procuratore sarà concessa facoltà di coinvolgere entro 5 giorni il il Presidente del Tribunale che potrà fissare, entro e non oltre trenta giorni, un’udienza per la comparizione delle parti.

Requisito fondamentale per poter ricorrere a tale procedura semplificata è che i coniugi risultino separati da almeno 3 anni, decorrenti o da un precedente accordo di negoziazione assistita di separazione o da un’udienza presidenziale di comparizione dinanzi al Giudice del Tribunale competente.

2. Il Divorzio Breve

L’altra rivoluzionaria legge cui facevamo cenno è quella che introduce il divorzio breve in Italia, la n.55/2015, e che consente ai coniugi di veder cessare gli effetti del matrimonio precedentemente contratto in minor tempo rispetto a quanto accadeva in passato: i termini per poter esperire ricorso al divorzio si riducono infatti da tre anni a sei mesi a decorrere dalla comparsa dei coniugi dinanzi al Presidente del Tribunale in tutti i casi di separazione consensuale, mentre si passa da tre anni a dodici mesi qualora dovesse trattarsi di separazioni giudiziali.

2.1 Divorzio giudiziale

Ultima ratio concessa alle sfortunate coppie che dovessero trovarsi in totale disaccordo non solo sulla comunione coniugale ma anche sulla fine della stessa, il divorzio giudiziale interviene a risolvere gli spiacevoli casi in cui non si riesca in alcun modo a giungere pacificamente ad un accordo circa il divorzio.

In tal caso partirà dunque da uno solo dei coniugi l’impulso propulsivo e sarà questi a ricorrere ad un avvocato divorzista o matrimonialista affidandogli il gravoso compito di dirimere la delicata questione:

  • Compito del legale sarà in questo caso quello di presentare una domanda di divorzio all’interno della quale dovrà aver cura non solo di esporre i fatti e gli elementi di diritto, ma anche far cenno ai mezzi di prova che intenderà presentare nonché, dopo aver palesato l’eventuale presenza di figli (siano essi legittimi, adottivi o legittimati) esporre le conclusioni sulle quali avrà fondato il ricorso al divorzio.

Una volta depositata la domanda toccherà al Presidente del Tribunale competente fissare una data di udienza per la comparizione dei coniugi, udienza alla quale dovranno entrambi partecipare in presenza del proprio avvocato difensore: solo dopo aver tentato una conciliazione rivelatasi fallimentare ed improduttiva il Presidente potrà emanare un’ordinanza nella quale siano fissati provvedimenti urgenti e provvisori che non ledano gli interessi dei figli e dei coniugi stessi e che regolino la situazione in attesa che intervenga una sentenza definitiva che stabilisca una corretta destinazione della casa coniugale ed una congrua somma per quanto riguarda l’assegno di mantenimento dei figli o quello eventuale del coniuge, stabilendo inoltre a chi viene affidata la prole.

3. Divorzio: tempi e costi

Sostanziali differenze sono quelle che sussistono per quanto riguarda le tempistiche con le quali si giunge a poter mettere definitivamente fine al vincolo matrimoniale. Solitamente molto brevi nei casi di divorzio congiunto, essendo i coniugi sostanzialmente d’accordo, discorso diverso invece va fatto per quanto riguarda i tempi per il divorzio giudiziale che dipendono da vari fattori, primo tra tutti l’eventualità in cui uno dei due coniugi si opponga a quanto deciso dal Giudice circa le domande avanzate in sede di prima udienza: potrebbe insomma volerci molto più di un anno prima di vedersi notificare una sentenza definitiva di divorzio giudiziale, 250 giorni circa invece per quello consensuale.

Analogo discorso va fatto per i costi in quanto anch’essi dipendono dal tipo di procedimento che si sceglie di prediligere in caso di divorzio: i costi del divorzio congiunto sono sicuramente più contenuti ed oscillano tra i mille ed i tremila euro mentre non è possibile in alcun modo prevedere quanto venga a costare un divorzio giudiziale, dipendendo quest’ultimo come abbiamo detto dal numero di udienze necessarie a metter d’accordo i coniugi.

4. Documenti per il divorzio

Una volta chiarite quelle che sono le procedure esperibili e dopo aver scelto quella che maggiormente si confà alle proprie esigenze, rispecchiando il proprio caso, è indubbiamente il caso per coloro che intendano divorziare di affidarsi ad un valido avvocato che possa far da guida nelle varie fasi a partire da quella preliminare in cui sarà fondamentale presentare i documenti necessari per il divorzio che, inutile dirlo, varieranno al variare delle procedure:

4.1 Documenti per divorzio congiunto

questi si sostanziano in un estratto integrale dell’atto di matrimonio (da richiedersi presso il Comune in cui è stato celebrato il matrimonio) accompagnato da copia autentica del verbale di udienza e omologa del verbale di separazione o sentenza di separazione con attestazione del passaggio in giudicato. Sarà poi necessario, per entrambi i coniugi, presentare una copia del proprio documento di identità e copia del codice fiscale nonché un certificato di residenza e lo stato di famiglia.

Nei casi di divorzio consensuale tramite negoziazione assistita e qualora ci fossero figli maggiorenni economicamente non sufficienti, sarà fondamentale allegare anche una dichiarazione dei redditi percepiti durante gli ultimi 3 anni da entrambi i coniugi.

4.2 Documenti per il divorzio giudiziale

anche in tal caso sarà necessario allegare alla domanda di divorzio l’estratto integrale dell’atto di matrimonio, un certificato di residenza e lo stato di famiglia accompagnati da dichiarazione dei redditi degli ultimi tre anni, mentre saranno sufficienti documento di identità e codice fiscale del solo coniuge ricorrente.

5. Separazione e divorzio

Quando “E vissero per sempre felici e contenti…” non comporta che lo si faccia necessariamente insieme, si può scegliere di separarsi ma è bene, a scanso di equivoci, chiarire brevemente quella che è la più semplice e netta differenza tra separazione e divorzio: la separazione è una condizione transitoria che sospende solo temporaneamente alcuni tra gli effetti del matrimonio mentre il più drastico divorzio libera i coniugi da questo status andando a sciogliere definitivamente il vincolo matrimoniale.

Hai bisogno di un avvocato divorzista a Milano? Hai bisogno di un avvocato esperto in separazione? Hai bisogno di un legale per l’assegnazione dei figli? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati. Tre di loro ti invieranno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.

AvvocatoFlash

In Italia ora c’è AvvocatoFlash, innovativa piattaforma di connessione e collegamento tra clienti ed avvocati, che viene incontro alla sempre più avvertita esigenza di avere una via facile e sicura per scegliere in modo consapevole il proprio avvocato.

Il suo funzionamento è semplice, trasparente e del tutto gratuito. L’utente che desidera scegliere il proprio avvocato su AvvocatoFlash deve solo svolgere facili e veloci operazioni:

  1. Raccontare il proprio caso. L’utente espone in modo anonimo e riservato ad AvvocatoFlash i motivi per cui è alla ricerca di un avvocato e racconta il suo problema legale;
  2. Ricevere tre preventivi. Egli viene quindi contattato in breve tempo da tre avvocati (accuratamente scelti in relazione alla specifica problematica esposta) che, ascoltate le sue necessità, gli offrono gratuitamente i loro preventivi;
  3. Scegliere l’avvocato giusto. Valutati e confrontati i tre preventivi, l’utente può quindi scegliere in modo consapevole l’avvocato che meglio si adatta alle sue necessità. Egli può anche decidere di non scegliere nessun avvocato ed anche in questo caso non perderà nulla, il servizio resta del tutto gratuito.

Occorre evidenziare che il team di AvvocatoFlash, una volta ricevuta la richiesta di un utente, svolge approfondite valutazioni circa la natura del caso ricevuto: ne analizza la difficoltà, valuta le materie rilevanti, considera i possibili sviluppi, etc. Questa operazione permette di individuare i tre avvocati migliori per affrontare e risolvere la specifica problematica esposta dal cliente. I professionisti sono selezionati, infatti, sulla base di diversi fattori, come la loro competenza, i campi del diritto in cui sono maggiormente esperti, o la pregressa esperienza in casi simili a quello proposto.

AvvocatoFlash, inoltre, mette a disposizione i contatti utili dei legali, per fissare con loro un colloquio in modo da velocizzare ed agevolare il rapporto con il cliente.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it
Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis