Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Cos’è e come si apre una Srls

La società a responsabilità limitata semplificata, o s.r.l.s., è una variante della società a responsabilità limitata, o s.r.l. ed è adatta per attività di piccole o medie dimensioni. L’obiettivo primario di queste società è quello di fornire agli imprenditori agevolazioni fiscali per attività di start up e per favorire l’imprenditorialità giovanile.

< Diritto Commerciale e Societario   # Srls  

1. I vantaggi e gli svantaggi della S.r.l.s

Da un lato abbiamo i vantaggi della costituzione di una S.r.l.s. che sono:

  • Costo di costituzione ridotto: il capitale sociale inizialmente può essere anche di 1 €, ma non potrà superare i 9.999,99 € e il notaio non costa nulla
  • Responsabilità limitata: la responsabilità per eventuali debiti della società è limitata al capitale investito. Inoltre, in caso di fallimento è la società a fallire, non i suoi soci
  • Non ci sono limiti di età per i soci: è stato abolito il limite dei 35 anni per i soci
  • Può essere unipersonale: la S.r.l.s. può essere avviata anche da un singolo socio.

Dall’altro lato gli svantaggi invece sono:

  • Gestione post-costituzione costosa: dopo la costituzione la s.r.l.s. ha gli stessi costi di gestione di una S.r.l. ordinaria
  • Il capitale sociale è limitato e di conseguenza è difficile ottenere credito dalle banche: il capitale non può superare i 9.999,99 € e la credibilità economica non è molta agli occhi delle banche
  • Le regole di funzionamento e amministrazione sono fissate per legge: non possono essere personalizzate dai soci, infatti la società non ha un suo statuto particolare a differenza delle S.r.l., di conseguenza le decisioni sono prese dai soci con le maggioranze stabilite dalla legge, che non si possono modificare
  • I soci sono solo persone fisiche, non persone giuridiche: quindi le altre società non possono essere soci di una S.r.l.s.
  • Mancanza di agevolazioni fiscali: non ci sono vantaggi fiscali per i nuovi soggetti. In tema di tassazione i fatti non è stata prevista nessuna aliquota agevolata, nemmeno per i primi esercizi sociali: la normativa è quella ordinaria.

2. Costituzione e scioglimento di una S.r.l.s.

L'atto costitutivo della società dovrà essere redatto per atto pubblico, contenere i dati anagrafici e i requisiti della società in conformità al modello standard dello statuto della S.r.l.s., previsto dal “Regolamento sul modello standard di atto costitutivo e statuto della S.r.l. semplificata” di cui tratta l’art. 3 del Decreto del Ministro della Giustizia del 23 giugno 2012 n. 138.

Devono essere inoltre indicati la denominazione sociale e gli amministratori ed infine deve essere interamente versato il capitale sociale (che può andare da 1 € a 9.999,99 €).

Il notaio controlla i requisiti senza chiedere onorari e, entro 20 giorni, deposita l’atto presso l’Ufficio del Registro Imprese tramite software ComUnica, senza spese per i diritti di segreteria e bollo. Gli unici costi saranno quelli dovuti al diritto annuale alla Camera di Commercio, l’imposta di registro e la denuncia inizio attività.

La Società si scioglie con una delibera dell’assemblea verbalizzata da un notaio. Occorre quindi nominare un liquidatore che si occupi della chiusura dei debiti, dei crediti e di tutte le partite contabili in sospeso.

Il liquidatore richiederà poi direttamente la cancellazione della società dal Registro Imprese (senza alcun ulteriore atto).

3. Quali sono le differenze tra una S.r.l. ed una S.r.l.s.?

Entrambe le forme giuridiche sono a responsabilità cosiddetta limitata, ovvero nessuno dei soci dovrà rispondere con i propri beni di eventuali debiti. Ad essere a rischio in caso di insolvenza sono solo ed esclusivamente gli investimenti effettuati sull’attività.

  • Una delle differenze principali riguarda il capitale investito. Come detto precedentemente, per avviare una S.r.l.s basta 1 €, fino ad un massimo di 9.999,99 €, invece per una S.r.l. il capitale minimo è di 10.000,00 €
  • I costi da sostenere. Per la S.r.l.s. i costi sono minimi e riguardano solo l’iscrizione alla Camera di Commercio e l’Imposta di Registro, per una S.r.l. invece i costi iniziano ad aumentare notevolmente, a cominciare dal notaio.

Fonti normative

Art. 2463 bis c.c.

Decreto del Ministro della Giustizia del 23 giugno 2012 n. 138

Vuoi avviare una Srls ma non sai se sia vantaggioso? Sei indeciso se optare per una Srls o per una Srl? Vuoi avere più informazioni in merito all’apertura di una Srls? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il caso.

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis