Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Quando è possibile richiedere il risarcimento danni da sinistro stradale?

Il conducente di un veicolo è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Vediamo come questa regola generale si applica ai singoli casi.

< Diritto Civile   # RisarcimentoDanni  

risarcimento danni sinistro stradale avvocatoflash

1. Risarcimento danni da sinistro stradale

Nella pratica, possono capitare diverse situazioni in cui è possibile chiedere il risarcimento danni da sinistro stradale. Vediamo quali sono.

  • Nel caso di scontro tra veicoli, si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a causare il danno subìto da entrambi i veicoli. Quindi, si presume che la responsabilità vada attribuita a entrambi i conducenti nella misura del 50%. Di conseguenza, per liberarsi da responsabilità e poter chiedere il risarcimento, il conducente di un veicolo dovrà necessariamente provare che la responsabilità è tutta dell’altro conducente o comunque è in gran parte di questi. La stessa disciplina si applica anche quando uno dei due veicoli é una bicicletta.
  • In tutti gli altri casi, per andare esenti dall’obbligo di risarcimento, si dovrà riuscire a provare che l’incidente si é verificato per un fatto attribuibile al danneggiato oppure a causa di un evento imprevedibile ed inevitabile. Ad esempio, nel caso in cui un automobilista investa un pedone, per liberarsi dalla responsabilità dovrà provare che l’investimento é stato dovuto a fatto del pedone (es. il pedone ha attraversato all’improvviso la strada quando il veicolo era a pochi metri).

Per quanto riguarda il risarcimento, abbiamo due discipline differenti a seconda che si tratti di danni a sole cose o di danni riguardanti anche persone.

1.1 Risarcimento danni a cose

Per ottenere il risarcimento danni per sole cose, il danneggiato dovrà indicare immediatamente i soggetti che hanno assistito all’incidente per chiamarli eventualmente a testimoniare in un eventuale e successivo processo.

1.2 Risarcimento danni fisici

Per ottenere il risarcimento dei danni fisici prodotti come conseguenza del sinistro, è necessario sottoporsi ad esami clinici che dimostrino i danni effettivamente patiti. L’eccezione a questa regola generale si ha nel caso di danni visibili ad occhio nudo (es. le cicatrici)

1.2.1 Pedone investito da auto su strisce pedonali

Al di là della gravità dell’incidente, in ogni caso in cui un pedone venga investito mentre attraversa la strada sulle strisce pedonali, la responsabilità del conducente del veicolo si presume sempre. Quindi il conducente sarà tenuto al risarcimento, a meno che non provi di aver fatto tutto il possibile per evitarlo. Tuttavia, ci potrebbe essere un concorso di colpa nel caso in cui si provi che il pedone, pur attraversando la strada sulle strisce pedonali, lo ha fatto nel momento in cui il semaforo a lui rivolto era rosso.

1.2.2 Pedone investito da auto fuori da strisce pedonali

Nel caso invece di pedone investito fuori dalle strisce pedonali, si presume un concorso di colpa tra conducente del veicolo e pedone stesso. Questo perché entrambi hanno degli obblighi da rispettare.

Il conducente di un veicolo deve rallentare e nel caso fermarsi per dare la precedenza ai pedoni che abbiano già iniziato ad attraversare la strada e, in ogni caso, deve cercare di prevedere tutte le situazioni di probabile pericolo per gli utenti della strada.

Il pedone, da parte sua, ne ha di ulteriori quando circola per strada: ad esempio quando un pedone si trova ad attraversare la strada fuori dalle strisce pedonali, deve sempre e comunque dare la precedenza ai veicoli che sopraggiungono.

Quindi un eventuale suo comportamento negligente o imprudente può essere la causa, in concorso con il conducente del veicolo, dell’investimento e perciò determinare una differente valutazione del risarcimento. Esistono vari casi di concorso di colpa nell’investimento di un pedone, ma i principali sono:

  • L’attraversamento è stato fatto senza dare la precedenza ai veicoli che sopraggiungevano
  • L’attraversamento è stato fatto in un punto pericoloso, vietato o comunque sconsigliabile.

Fonti normative

Art. 2054 c.c.

Legge 124 del 04.08.2017

Hai riportato delle lesioni evidenti dopo un incidente stradale e l’assicurazione non ti vuole rimborsare? Sei stato vittima di sinistro stradale ma non hai ottenuto un risarcimento danni? Sei stato investito sulle strisce pedonali ma non hai ricevuto un risarcimento danni adeguato? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il caso.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis