Diffida ad adempiere: come scriverla, contenuti e fac-simile

Lettera di diffida ad adempiere: come scriverla, contenuti e fac-simile.

< Diritto Civile   # DiffidaAdempiere   # Fac-simile  

 diffida di pagamento approfondimento avvocatoflash

Hai bisogno di un avvocato civilista? Tramite il servizio di AvvocatoFlash, attivo in tutta Italia, potrai trovare un buon avvocato civilista in breve tempo.

1. La diffida ad adempiere

La diffida ad adempiere è un atto tramite il quale una parte chiede alla parte inadempiente di adempiere agli oneri derivanti da un contratto assegnando un termine, congruo secondo la legge o gli usi, sotto comminatoria della risoluzione del rapporto contrattuale, sempre fatto salvo il risarcimento del danno.

L’ipotesi si distingue da ipotesi di risoluzione di cui all’articolo 1453 c.c. in quanto, a differenza di quest’ultima ipotesi non prevede il ricorso al giudice per ottenere la risoluzione del rapporto contrattuale, discendendo tale effetto, in via stragiudiziale, dal mancato rispetto del termine assegnato dalla parte adempiente.

La diffida ad adempiere, come suggerisce il nome stesso, è quindi l'intimazione che il contraente adempiente formula nei confronti del contraente inadempiente affinché ottemperi al proprio obbligo contrattuale entro un certo termine.

Tipica situazione per la quale è possibile ricorrere alla diffida ad adempiere consiste nel rapporto tra acquirente/fruitore e fornitore di un bene o di un servizio dall'altra: il fornitore non adempie a uno o più punti del contratto, trovandosi così in difetto con il destinatario della fornitura. Costui, anche per svincolarsi da un rapporto contrattuale rimasto inadempiuto dopo ripetuti e inutili solleciti, intima all’altra parte di adempiere, dando quindi alla stessa un "ultimatum". 

Ed è in questo caso che la legge riconosce allo stesso la possibilità di avvalersi della diffida ad adempiere, una forma particolare di tutela che rientra negli atti unilaterali e recettizi di autonomia privata.

2. La diffida ad adempiere nel codice civile

Il riferimento normativo della diffida ad adempiere è individuabile nell’articolo 1454 c.c., secondo cui: "Alla parte inadempiente l'altra può intimare per iscritto di adempiere in un congruo termine, con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s'intenderà senz'altro risoluto. Il termine non può essere inferiore a quindici giorni, salvo diversa pattuizione delle parti o salvo che, per la natura del contratto o secondo gli usi, risulti congruo un termine minore. Decorso il termine senza che il contratto sia stato adempiuto, questo è risoluto di diritto". 

Ovviamente l’inadempimento deve essere di rilevante importanza, tenuto conto dell’interesse della parte adempiente (articolo 1455 c.c.).

Per effetto della ricezione della diffida da parte del contraente inadempiente il contratto si risolve e tutti i contraenti si liberano dall’eseguire le proprie prestazioni, cui gli stessi si sono obbligati. Tuttavia, chi si è macchiato dell’inadempimento dovrà risarcire gli altrui danni cagionati dalla propria condotta.

In altri termini, dal ricevimento della diffida il soggetto inadempiente è costituito in mora e su di esso gravano obblighi risarcitori, particolarmente rilevanti in ipotesi di impossibilità sopravvenuta della prestazione.

3. La lettera di diffida ad adempiere: raccomandata o pec

Quale tipico atto recettizio, produttivo di effetti al momento della sua ricezione, la diffida ad adempiere deve essere indirizzata e pervenire all’indirizzo del destinatario. Inoltre, ne deve essere provata la ricezione.

Per tale motivo la diffida deve essere inviata per posta raccomandata munita di ricevuta di ritorno o altro mezzo (posta elettronica certificata) attestante la ricezione dell’atto. 

Deve inoltre contenere: 

  1. l’intimazione ad adempiere; 
  2. l’indicazione di un termine adeguato alle caratteristiche della prestazione rimasta inadempiuta; il termine non può essere inferiore a 15 giorni, a meno che le parti abbiano pattuito diversamente o che per la natura del contratto o degli usi sia possibile applicare un tempo inferiore
  3. la dichiarazione che il contratto si intende risolto in caso di inadempimento. Tale dichiarazione deve essere riportata a chiare lettere, tale essendo la caratteristica distintiva di ogni diffida ad adempiere. Si potrà anche manifestare l’intenzione di prendere iniziative in ipotesi di inadempimento laddove si sia verificata ipotesi di danno.
  4. La forma scritta: obbligatoriamente la diffida deve essere messa per iscritto;

La lettera di diffida ha due scopri principali:

  1. Innanzitutto fornire alla parte la possibilità di usufruire di uno strumento rapido per concludere il contratto;
  2. Secondariamente incentivare la parte inadempiente a tenere fede agli oneri assunti.

4. La diffida ad adempiere: il termine

Come detto, l’articolo 1454 c.c. prevede che chi ricorre alla diffida ad adempiere assegni all'altra parte un termine congruo per porre rimedio alla propria inadempienza, decorso il quale il contratto si intenderà risolto di diritto.

La norma dà anche indicazioni più precise sulla durata del termine, stabilendo che, come regola generale, lo stesso non debba essere inferiore ai quindici giorni. Resta tuttavia ferma la possibilità per le parti di stabilire un termine minore, che è ammesso anche se la natura del contratto o gli usi lo rendono comunque congruo.

5. Facsimile lettera

Esistono diversi fac-simile che possono essere utilizzati per redigere una diffida ad adempiere, variando tuttavia da fattispecie a fattispecie: caratteristiche comuni sono, tuttavia, l'intestazione con le generalità del soggetto, il riepilogo degli accadimenti, l'intimazione ad agire entro un certo termine e l'eventuale riserva di esperire azioni legali in caso di persistente inadempimento.

Di seguito una ipotesi di diffida ad adempiere da inviare con raccomandata A/R: 

“Io/la sottoscritto/a ______________ nato/a il ______________, a ______________ e residente in ______________ via ______________, significo quanto segue.

Premesso che:

1) giorno _______ si concludeva il contratto/ordine __________ (individuazione dell'oggetto del contratto);

2) alla data odierna non risulta adempiuta la seguente prestazione: ________ (indicare eventualmente la prestazione richiesta/non ricevuta e le caratteristiche dell'inadempimento di controparte). Tale inadempimento è addebitabile unicamente a Vostra esclusivo fatto e colpa, essendo peraltro già trascorso un congruo termine per l'adempimento, che era stato stabilito per il ________________ (inserire eventualmente la data di adempimento, laddove concordata) e già richiesto in numerose altre occasioni ________________ (inserire i riferimenti ad eventuali solleciti, ove inviati).

Tutto ciò premesso, si intima e diffida codesta spettabile Società ad adempiere alle obbligazioni discendenti dal summenzionato contratto entro e non oltre 15 giorni dal ricevimento della presente, con avvertimento che, decorso infruttuosamente detto termine, il contratto dovrà intendersi automaticamente risolto di diritto, con riserva di agire presso le sedi ritenute più opportune.

Distinti saluti.

Firma __________________

6. Come si scrive una diffida ad adempiere

La diffida deve necessariamente avere forma scritta ma non è obbligatorio avvalersi di un professionista per la stesura, infatti, basta una scrittura privata.

Essa deve contenere:

  1. Le generalità delle parti (nome, cognome, residenza).
  2. L’oggetto della diffida
  3. Le motivazioni
  4. Il termine entro il quale adempiere
  5. Espresso avvertimento di risoluzione del contratto nel qual caso non venga adempiuta l’obbligazione
  6. Data e firma

Bisogna prestare attenzione a non dimenticare nessuna di queste parti (soprattutto l’espresso avvertimento di risoluzione) per non incorrere in vizi di forma.

7. Diffida stragiudiziale

Un altro tipo di diffida è la diffida stragiudiziale. Questo tipo di diffida si differenza da quella ad adempiere perché prevede l’intervento dell’avvocato. Costui scriverà la diffida o lettera stragiudiziale rivolta alla controparte.

Il contenuto di questa lettera sarà sempre una prestazione di fare o non fare qualcosa e non può contenere minacce in quanto bisogna attenersi solo alla tutela del proprio diritto.

I mezzi consentiti sono gli stessi della diffida di adempimento e quindi telegramma, telefax, PEC o raccomandata non può essere sostituita da una telefonata. Deve sempre contenere la firma in originale.

È possibile consegnare la notifica tramite l’ufficiale giudiziario o tramite l’avvocato stesso.

L’ufficiale giudiziario farà pervenire la notifica o in prima persona quindi consegnando l’atto nelle mani del destinatario o attraverso una raccomandata. Bisogna ricordare che è possibile inviare tramite ufficiale giudiziario anche la diffida ad adempiere. I costi variano a seconda che vi sia urgenza o meno.

Nel caso in cui non vi sia urgenza gli atti da notificare a mano hanno un costo di circa 5€, per mezzo posta 11€. Se, invece, vi è urgenza, i prezzi sono leggermente maggiorati.

Una volta ricevuta dalla controparte è possibile avviare una negoziazione in cui si cerca di giungere ad un accordo comune. La controparte ha diritto ma non obbligo di farsi assistere a sua volta da un avvocato.

Avvocato Flash

In Italia ora c’è AvvocatoFlash, innovativa piattaforma di connessione e collegamento tra clienti ed avvocati, che viene incontro alla sempre più avvertita esigenza di avere una via facile e sicura per scegliere in modo consapevole il proprio avvocato.

Il suo funzionamento è semplice, trasparente e del tutto gratuito. L’utente che desidera scegliere il proprio avvocato su AvvocatoFlash deve solo svolgere facili e veloci operazioni:

  1. Raccontare il proprio caso. L’utente espone in modo anonimo e riservato ad AvvocatoFlash i motivi per cui è alla ricerca di un avvocato e racconta il suo problema legale;
  2. Ricevere tre preventivi. Egli viene quindi contattato in breve tempo da tre avvocati (accuratamente scelti in relazione alla specifica problematica esposta) che, ascoltate le sue necessità, gli offrono gratuitamente i loro preventivi;
  3. Scegliere l’avvocato giusto. Valutati e confrontati i tre preventivi, l’utente può quindi scegliere in modo consapevole l’avvocato che meglio si adatta alle sue necessità. Egli può anche decidere di non scegliere nessun avvocato ed anche in questo caso non perderà nulla, il servizio resta del tutto gratuito.

Occorre evidenziare che il team di AvvocatoFlash, una volta ricevuta la richiesta di un utente, svolge approfondite valutazioni circa la natura del caso ricevuto: ne analizza la difficoltà, valuta le materie rilevanti, considera i possibili sviluppi, etc. Questa operazione permette di individuare i tre avvocati migliori per affrontare e risolvere la specifica problematica esposta dal cliente. I professionisti sono selezionati, infatti, sulla base di diversi fattori, come la loro competenza, i campi del diritto in cui sono maggiormente esperti, o la pregressa esperienza in casi simili a quello proposto.

AvvocatoFlash, inoltre, mette a disposizione i contatti utili dei legali, per fissare con loro un colloquio in modo da velocizzare ed agevolare il rapporto con il cliente.

Riccardo Scandurra

Hai bisogno di una consulenza da parte di un avvocato? Hai bisogno di un legale? Cerchi assistenza per un problema legale? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.