In questa breve guida vedremo come funziona il risarcimento del danno da sinistro stradale e cosa bisogna fare quando si rimane coinvolti in un incidente.

1. Richiesta di risarcimento danni: procedura ordinaria

In caso di incidente stradale è necessario procedere tempestivamente all’invio di una denuncia scritta con contestuale richiesta di risarcimento danni alla compagnia assicurativa, a mezzo pec o per posta raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure, nel caso in cui sia stato compilato e firmato dai conducenti di tutti i veicoli coinvolti nel sinistro, è possibile consegnare il modulo di constatazione amichevole (c.d. Modulo CAI).

Se il sinistro si è verificato tra due veicoli a motore identificati ed assicurati, in base alla procedura di risarcimento diretto (C.A.R.D.) ogni danneggiato sarà risarcito dalla propria compagnia di assicurazione. 

Al contrario, nel caso in cui il sinistro coinvolga più di due veicoli, a risarcire i danni sarà la compagnia assicurativa del veicolo responsabile del sinistro.

In ogni caso le compagnie assicurative, ricevute le richieste di risarcimento danni, procederanno all’accertamento della responsabilità, che potrà essere di un solo conducente oppure di entrambi e in quest’ultimo caso si avrà un concorso di colpe

È necessario precisare che nel caso in cui chi ha causato il sinistro non è noto o non ha fornito le proprie generalità o non ha un'assicurazione, è possibile, in presenza di determinati presupposti, rivolgersi ad un apposito Fondo detto “Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada”, che provvederà al risarcimento dei danni.

Infine, se il sinistro ha coinvolto un veicolo straniero circolante in Italia, è obbligatorio rivolgersi ad un apposito Ufficio in Italia – (UCI).

1.1. La lettera per la richiesta di risarcimento danni da incidente stradale

La lettera di richiesta di risarcimento danni, lì dove non è stato compilato il modulo Cai, deve contenere:

  • l’indicazione delle compagnie assicurative;
  • le generalità dei soggetti coinvolti nel sinistro;
  • l’indicazione dei veicoli coinvolti (modello e targa);
  • la ricostruzione della dinamica dell’incidente;
  • l’indicazione delle autorità intervenute (le Compagnie di Assicurazione non liquidano il danno sino a che non sia disponibile la relazione dell’incidente, che viene consegnata, su espressa richiesta della parte, dopo 30/60 giorni se si tratta di sinistro nel quale non vi siano stati feriti e dopo 90/120 giorni se si tratta di un sinistro con feriti);
  • i danni riportati (a cose e/o fisici);
  • indicazione del luogo e dei giorni e delle ore in cui le cose danneggiate sono disponibili per essere sottoposte ad ispezione;
  • nominativi di eventuali testimoni, di cui dovrà essere allegata una dichiarazione firmata.

Quindi, il soggetto coinvolto nel sinistro dopo averlo denunciato alla propria compagnia può, nella stesura, nell’invio della richiesta di risarcimento danni e in tutta la procedura, farsi assistere da un legale.

2. Quali danni possono derivare da un sinistro stradale?

I danni possono essere:

  • danni materiali (alle cose);
  • danni fisici (alle persone).

Hai bisogno di un avvocato specializzato in casi di sinistro stradale? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati in questo campo. Tre di loro ti invieranno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.