Cos’è e quando si utilizza una scrittura privata

// Diritto Civile  
# ScritturaPrivata  

La scrittura privata è un atto scritto con cui una o più persone regolano i loro interessi di natura personale o patrimoniale e che è destinato ad assumere il valore di piena prova dei firmatari.

scrittura privata approfondimento avvocatoflash

Il valore probatorio della scrittura privata è stabilito dall’art. 2702 c.c., il quale prevede che questa “fa piena prova, fino a querela di falso, della provenienza delle dichiarazioni da chi l’ha sottoscritta, se colui contro il quale la scrittura è prodotta ne riconosce la sottoscrizione, ovvero se questa è legalmente considerata come riconosciuta”.

1. Il valore legale della scrittura privata

Rispetto all’enunciato dell’art. 2702 c.c., la scrittura privata ha efficacia di prova legale solo in presenza di una di queste due condizioni:

  • l’autenticazione, da parte di un notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato, attesta che la sottoscrizione è avvenuta in presenza di un soggetto giuridicamente competente, previo accertamento dell’identità di chi sottoscrive (art. 2703 c.c.) e rendere certa la data della scrittura privata;
  • il riconoscimento, che può avvenire in maniera esplicita dalla parte contro la quale la scrittura è prodotta, oppure tacitamente, quando la parte alla quale la scrittura è attribuita o contro la quale è prodotta è contumace (non si presenta in giudizio) o, pur essendosi costituita, non la disconosce.

2. La scrittura privata semplice e il suo valore legale

Con scrittura privata semplice, si intende la scrittura privata non autenticata, ma sottoscritta liberamente dalle parti in modo autonomo e non davanti a un pubblico ufficiale.

Per avere questo tipo di scrittura, non possono mancare alcuni elementi fondamentali:

  • la firma posta in calce o a margine del documento, che deve essere eseguita di proprio pugno dai soggetti interessati e con una penna (cosiddetta firma autografa);
  • la data, anche se non è un elemento essenziale è comunque importante ai fini della valutazione della prova.

Tramite la registrazione della scrittura privata si può conferire alla data un valore certo (cosiddetta data certa).

Al contrario della scrittura privata autenticata, quella semplice può essere sempre disconosciuta dal soggetto contro il quale viene prodotta (art. 214 c.p.c.). In questo caso è il soggetto firmatario che deve provarne la validità richiedendo l’istanza di verificazione (art. 216 c.p.c.).

Ci sono però due fattispecie in cui anche la scrittura privata semplice ha pieno valore probatorio, si tratta di:

  • riconoscimento tacito della scrittura da parte di chi l’ha prodotta, nel caso in cui non è stata disconosciuta entro la prima udienza o la prima risposta successiva alla produzione (art. 215 c.p.c.);
  • verificazione giudiziale della scrittura, ovvero, se la parte che ha prodotto la scrittura contestata produce le scritture necessarie per la comparazione.

3. Scrittura privata autenticata

Gli unici legittimati per legge ad apporre la cosiddetta autentica sulla scrittura privata sono:

  • il notaio;
  • il segretario comunale e/o provinciale;
  • il console.

Grazie all’attestazione, il documento assume pieno valore probatorio, anche se la veridicità del contenuto può essere comunque contestato tramite gli ordinari mezzi di prova.

Nello specifico, la contestazione può avvenire tramite querela di falso (artt. 221 ss. c.p.c.), ovvero il procedimento nel quale l’interessato prova la non genuinità del documento.

4. La differenza tra scrittura privata autenticata e semplice

La differenza sostanziale consiste nel fatto che la scrittura privata semplice può sempre essere disconosciuta dal soggetto contro il quale viene prodotta (art. 214 c.p.c.), se costui:

  • nega formalmente la propria scrittura o la propria sottoscrizione;
  • effettui il disconoscimento entro il termine perentorio della prima udienza o della prima risposta successiva alla produzione dell’atto (art. 215 c.p.c.).

L’altra fondamentale differenza riguarda l’onere della prova:

  • per l’atto pubblico o la scrittura privata autenticata, chi vuol contestare il documento si deve assumere l’onere di dimostrarne la non autenticità (attraverso la querela di falso);
  • nel caso invece di scrittura semplice, dopo il disconoscimento del soggetto presunto firmatario, spetta a colui che produce la scrittura provare la genuinità del documento.

In questo caso dovrà richiedere l’istanza di verificazione (art. 216 c.p.c.).

Fonti normative

Art. 2702 c.c.

Art. 2703 c.c.

Art. 214 c.p.c.

Art. 215 c.p.c.

Art. 216 c.p.c.

Artt. 221 ss. c.p.c.

Devi autenticare la scrittura privata e necessiti di un legale? Non sai come rendere valida una scrittura privata? Necessiti di un servizio che ti metta in contatto con un avvocato civilista? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente e sarai tu a scegliere a chi affidare il caso.


AvvocatoFlash.it
Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis