Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Cosa fare se non vengono rispettati i termini della mediazione?

La mediazione obbligatoria è una procedura di conciliazione stragiudiziale per taluni controversie in materia civile e commerciale, senza la quale non è possibile rivolgersi al Tribunale.

< Diritto Civile   # Mediazione  

La mediazione, secondo quanto stabilisce la legge, è un’attività, che deve essere svolta da un soggetto terzo e imparziale, al fine di assistere due o più soggetti che sono alla ricerca di un accordo amichevole per comporre una controversia. Essa può sostanziarsi anche con la formulazione di una proposta che abbia ad oggetto la risoluzione definitiva della controversia stessa.

Il soggetto terzo ed imparziale prende il nome di mediatore e può una figura individuale o collegiale.

Con un decreto del Ministero della Giustizia è stato istituito un registro degli organismi, enti pubblici o privati, presso i quali è possibile svolgere la mediazione stessa.

Il verbale di mediazione nel quale viene riportato anche l’accordo eventualmente raggiunto, adottando le giuste formalità, è un titolo esecutivo, del quale si può avvalere ciascuna delle parti se l’altra non dovesse rispettare i termini della conciliazione.

Quindi esso può essere allegato all’atto di precetto e utilizzato per:

- espropriazione forzata

- esecuzine per consegna e rilascio

- esecuzione degli obblighi di fare e non fare

- iscrizione di ipoteca giudiziaria.

1. Quanti tipi di mediazione ci sono?

La legge riconosce vari tipi di mediazione.

1.1 Mediazione volontaria

Esiste innanzitutto la mediazione volontaria. Chiunque può decidere di risolvere le controversie, in materia civile o commerciale, che hanno ad oggetto diritti disponibili, con un procedimento di mediazione al fine di ottenere un accordo conciliativo.

Talvolta può essere previsto anche dagli statuti delle società o dai contratti tra le parti, che debba utilizzarsi la mediazione come strumento di risoluzione stragiudiziale in caso di contrasti, prima che si avvii una eventuale causa davanti al giudice;

1.2 Mediazione delegata

Il giudice, fermo quanto decidono le disposizioni di legge, può, anche in appello, decidere la sospensione della causa, per un periodo massimo di 3 mesi, per obbligare le parti a trovare un accordo conciliativo attraverso la mediazione.

1.3 Mediazione obbligatoria

La legge ha di recente introdotto, infine, un vero e proprio obbligo di porre in essere la mediazione, quando la controversia ha ad oggetto determinate materie, a pena di improcedibilità del processo. Questo vuol dire nei casi stabiliti dalla legge non viene esperito prima un tentativo di mediazione, non è possibile rivolgersi direttamente al tribunale.

2. Mediazione obbligatoria

La mediazione obbligatoria è stata introdotta nel nostro ordinamento a seguito di istanze non sono nazionali, ma anche europee, legate alla necessità della ragionevole durata del processo. Pertanto è stato legislativamente promosso il tentativo di addivenire ad una risoluzione rapida, perchè extragiudiziale, di una controversia, entro un termine breve, prestabilito, di 90 giorni: in questo modo si è inteso anche ridurre il ricorso nelle aule di tribunale.

Nel suo percorso legislativo la mediazione obbligatoria ha subìto uno stop da parte della Corte Costituzionale, che ne ha stabilito, in prima battuta, la illegittimità. Ma l’illegittimità non aveva ad oggetto il contenuto dell’istituto in sè, quanto semplicemente la circostanza che la legge che aveva delegato il Governo a disporre sulla materia, non aveva previsto espressamente anche le sanzioni in caso di violazione, e cioè, tra esse, in particoalre, la improcedibilità processuale.

Pertanto, colmata la lacuna legislativa, la legge è attualmente costituzionalmente valida, e la mediazione è obbligatoria se la controversia ha ad oggetto le seguenti materie:

- condominio;

- diritti reali;

- divisione;

- successioni ereditarie;

- patti di famiglia;

- locazione;

- comodato;

- affitto di aziende;

- risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria;

- risarcimento del danno derivante da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità;

- contratti assicurativi, bancari e finanziari.

L’ultima modifica della normativa ha espunto dall’elenco delle materie il risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti.

Non importa se il tentativo di accordo vada o meno a buon fine. Ma nelle materie indicate è fatto obbligo di provarci, se non si voglia incorrere nelle conseguenze processuali della mancata mediazione.

La mediazione, però, per legge non è obbligatoria in una serie di procedimenti, tra cui quelli:

a) per ingiunzione, inclusa l'opposizione, fino alla pronuncia sulle istanze di concessione e sospensione della provvisoria esecuzione;

b) per convalida di licenza o sfratto, fino al mutamento del rito di cui all'articolo 667 del codice di procedura civile;

c) di consulenza tecnica preventiva ai fini della composizione della lite, di cui all'articolo 696-bis del codice di procedura civile;

d) possessori, fino alla pronuncia dei provvedimenti di cui all'articolo 703, terzo comma, del codice di procedura civile;

e) di opposizione o incidentali di cognizione relativi all'esecuzione forzata;

f) in camera di consiglio;

g) che riguardano l'azione civile esercitata nel processo penale.

3. Cosa succede con la mediazione?

Ovviamente il tentativo di mediazione può portare a diversi esiti.

3.1 Che succede se si svolge ma con esito negativo?

Come si è detto, ciò che conta è che ci si provi. Ma se poi un accordo conciliativo non si riesce a raggiungere, nulla impedisce di rivolgersi al giudice. In questo caso sarà stilato un verbale che illustri il mancato raggiungimento dell’accordo.

3.2 Che succede se si svolge ma con esito positivo?

Può chiaramente accadere che l’accordo porti ad un accordo tra le parti. In questo caso la legge stabilisce che se tutte le parti che hanno preso parte al procedimento siano state assistite da un legale, l’accordo finale deve essere sottoscritto dalle stesse parti con i rispettivi avvocati, affinchè possa diventare titolo esecutivo.

La presenza degli avvocati è necessaria perchè questi possano attestare e certificare che l’accordo sia conforme alle norme imperative e all’ordine pubblico.

Negli altri casi perchè abbia efficacia esecutiva l’accordo, esso, allegato al verbale, deve essere omologato, su istanza di parte, con un decreto del Presidente del Tribunale, dopo che sia stato effettuato un accertamento che concerna la regolarità formale, nonchè, anche in questo caso, il rispetto delle norme imperative e dell’ordine pubblico.

Qualora si tratti di controversie transfrontaliere, il verbale è omologato dal Presidente del Tribunale competente, che è quello che ha sede nel circondario in cui l’accordo dovrà avere esecuzione.

Il fatto che l’accordo sia titolo esecutivo fa si’ che se una delle parti non rispetti i termini della mediazione, l’altra ne può chiedere l’esecuzione, notificando l’atto di precetto e il verbale di mediazione a cui sarà allegato l’accordo conciliativo.

3.3. Che succede se non si svolge?

Qualora non ci sia stato il tentativo di mediazione e ciò nonostante un soggetto si sia rivolto al Tribunale, si avrà l’improcedibilità del processo, che può essere fatta valere o dall’altra parte, o direttamente dal giudice.

Quando ciò avviene, il giudice stesso stabilisce un termine entro il quale bisogna tentare la mediazione.

Perchè ci si possa rivolgere al Tribunale nelle materie in cui è prevista la mediazione obbligatoria, basta che sia avvenuto anche solo il primo incontro davanti al mediatore, senza che si sia concluso l’accordo.

Fonti normative

D.lgs 4 marzo 2010 n. 28 e succ. agg. in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali.

Hai un contrasto con un altro soggetto in materia civile e vuoi sapere se devi prima tentare la mediazione o se puoi rivolgerti direttamente al Tribunale? Hai bisogno di un avvocato che ti segua in un procedimento di mediazione? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati. Tre di loro ti invieranno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis