In caso di divorzio, dopo quanto tempo ci si può risposare?

Successivamente al divorzio, l’uomo è libero di risposarsi, subito dopo l’annotazione della sentenza di divorzio, mentre la donna deve attendere trecento giorni dall’annotazione stessa, a tutela della paternità dell’eventuale nascituro. Vediamo i dettagli.

Separazione tra conviventi con figli minori: quali diritti e doveri?

La convivenza di fatto, è la comunione materiale e spirituale che si instaura tra due soggetti, a seguito della dichiarazione inoltrata al comune di residenza. Vediamo come funziona.

Come gestire al meglio una separazione: 5 cosa da sapere

La separazione coniugale, comporta la sospensione temporanea degli effetti derivanti dal matrimonio, tra i coniugi, in previsione di una loro possibile futura riconciliazione. Ecco come gestirla al meglio!

Divorzio in italia: procedura per sciogliere definitivamente il vincolo matrimoniale

Trattasi di un istituto giuridico che sancisce la fine di un matrimonio e non va scambiato con l'annullamento del matrimonio, che invece prevede la fine di un matrimonio legalmente valido e non il suo disconoscimento.

Separazione consensuale: procedura, tempi e costi

La separazione consensuale nasce da un accordo dei coniugi di voler sospendere gli effetti del matrimonio senza arrivare a una litigiosità

Collazione: significato e obblighi per gli eredi che hanno beneficiato di una donazione

i figli e i loro discendenti ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente, salvo che il defunto non li abbia da ciò dispensati. La dispensa da collazione non produce effetto se non nei limiti della quota disponibile

Tassa di successione, quanto si paga?

La tassa di successione è l’imposta dovuta obbligatoriamente allo Stato da coloro che ricevono in eredità beni immobili e diritti reali immobiliari a seguito della presentazione della dichiarazione di successione all’Agenzia delle Entrate.

in-quali-casi-si-verifica-separazione-addebito

L’addebito della separazione, non è un’automatica conseguenza della violazione ai doveri coniugali, dovendo la violazione costituire la causa o la concausa della crisi matrimoniale, ponendosi come condizione di causa-effetto nei confronti della rottura del rapporto tra i due coniugi. Vediamo i dettagli.

L’affidamento del figlio minore in caso di separazione, divorzio o fuori dal matrimonio

La disciplina inerente l’affido dei figli minori in caso di separazione è oggi contenuta nel D.lgs. del 28 dicembre 2013, n.154. Il decreto legislativo in questione ha introdotto all’interno del nostro Codice di rito gli artt.337-bis e seguenti.

Successione testamentaria: testamento olografo e ruolo del notaio

Il testamento è definito dal codice civile come quell’atto revocabile con il quale taluno dispone, per il tempo che avrà cessato di vivere, di tutte le proprie sostanze o di parte di esse.

Affidamento dei figli: con quali criteri decide il giudice

Tutelare il figlio dalla separazione è l’interesse principale, infatti il giudice determinando l’affidamento condiviso o meno garantisce al figlio un percorso di crescita equilibrato.

Come e in quali casi si può impugnare un testamento?

Il testamento, anche essendo un atto di ultima volontà, è impugnabile per tutta una serie di vizi che possono determinare l’inefficacia totale o parziale dello stesso.

Diseredazione: cosa è e come viene escluso un parente dalla successione

L’esclusione di un prossimo congiunto dalla successione ereditaria può avvenire sia per una libera scelta del testatore e sia quando abbia compiuto atti lesivi nei confronti del testatore stesso o dei suoi familiari. Vediamo i dettagli.

Cos’è il divorzio giudiziale dei coniugi: tempi e procedure

Il divorzio giudiziale è quell’istituto giuridico che permette ai due coniugi di sciogliere il matrimonio civile ed il matrimonio concordatario, ovverosia quello celebrato in Chiesa e trascritto nei registri dello stato civile, facendo cessare gli effetti giuridici dati dal matrimonio stesso.

Affidamento esclusivo: quando si può chiedere e come

In caso di separazione, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio il nostro codice di rito, precisamente all’art.337 ter cod. civ., rimette al giudice il compito di adottare i provvedimenti relativi alla prole con esclusivo riferimento all’interesse morale e materiale di essa. A tal riguardo stabilisce che esso debba valutare prioritariamente la possibilità che i figli minori restino affidati ad entrambi i genitori.