Dipendenti fantasma: quando l’assenteismo è reato

Sono numerose le storie di chi si assenta dal posto di lavoro pur timbrando il cartellino. Vediamo quali sono le conseguenze legali di questo comportamento.

Si può licenziare un dipendente sempre in ritardo?

Se il ritardo è reiterato e particolarmente grave il datore di lavoro, in ultima analisi, può licenziare il dipendente.

Licenziamento causa abuso permessi legge 104: cosa fare?

La legge 104 prevede, per chi ne ha il diritto, la possibilità di usufruire di tre giorni al mese per assistere un parente disabile. Ma a cosa va incontro il beneficiario che utilizzi il tempo stabilito per svolgere altre attività e che dunque abusi della legge 104? Scopriamolo insieme.

Quando un lavoratore può dare le dimissioni per giusta causa?

Il lavoratore che vuole dare le dimissioni deve comunicarle anticipatamente al proprio datore di lavoro, rispettando quello che viene chiamato obbligo di preavviso. In caso contrario, egli sarà obbligato a indennizzare il datore.

In quali casi si può licenziare per giusta causa?

Il licenziamento per giusta causa è un’interruzione del rapporto di tipo disciplinare. Le ragioni sono particolarmente gravi e dunque non permettono la prosecuzione del rapporto di lavoro. Nel caso di specie il lavoratore non ha diritto neppure al preavviso.

Qual è la procedura per il licenziamento disciplinare senza preavviso?

Si può classificare un licenziamento disciplinare quella particolare tipologia di recesso del datore di lavoro che può essere compreso nel più grande alveo del licenziamento per giustificato motivo soggettivo, oppure di quello per giusta causa, vale a dire il licenziamento senza preavviso a seguito di una grave violazione disciplinare del prestatore di lavoro.