Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Cos´é il reato di molestia telefonica

Il reato di molestia è una fattispecie criminosa disciplinata dall'art. 660 del Codice Penale Italiano, che recita: ''Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a euro 516

< Diritto Penale   # MolestieTelefoniche  


1. Illustrazione del reato


Il reato di molestia telefonica è una fattispecie criminosa disciplinata dall'art. 660 del Codice Penale Italiano, che recita:

''Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda fino a euro 516 ''.

Innanzitutto bisogna effettuare una distinzione tra il dettato normativo dell'art 660, e quello dell'art. 659, quest'ultimo riguardante il disturbo del riposo e della professione altrui mediante atti di ingerenza di carattere limitativo della quiete altrui. Ciò che infatti salta subito all'attenzione, è come il 660 disciplini gli atti di molestia che si svolgano in luogo pubblico o aperto al pubblico (sia come stato in luogo da parte del reo, e sia della vittima). La norma n. 659 del Codice Penale, disciplina invece il disturbo della quiete e delle attività lavorative, ove per tali si possano intendere non necessariamente luoghi pubblici o aperti al pubblico, almeno da parte di colui che ritenga di subire la molestia.


2. Il reato di molestia telefonica


Per altro, l'articolo 660 disciplina anche una modalità ulteriore di molestia, rappresentata da quella fatta per tramite del mezzo telefonico, il quale rappresenta un punto fondamentale di adattamento della norma genericamente astratta, ad una relazione esterna verso le tecnologie e apparecchi (come il telefono), che stanno avendo sempre di più la possibilità di accrescere la sfera sociale di individui con cui si potrebbe entrare in contatto. Per tale motivo ha avviato in tal senso, l'art. 286 del D.P.R. del 29 marzo 1973 n. 156, in cui viene enucleata una specie di pena accessoria, ovvero lo stralcio di qualunque contratto telefonico con determinata compagnia telefonica.


3. Analisi criminologica e giuridica


Per ciò che riguarda le modalità realizzative di molestia, previste dal disposto normativo dell'art. 660, bisogna innanzitutto analizzare il periodo in cui elenchi sia la petulanza, sia altro biasimevole motivo, come casus belli realizzativi della fattispecie criminosa. Infatti per il concretizzarsi della molestia, il comportamento lesivo deve essere biasimevole o petulante, e ciò significa che si sostanzia la molestia solo con atti che seppure fastidiosi e reiterati, non costituiscano di per sé una fattispecie criminosa autonoma già prevista dall'ordinamento.


4. Bene giuridico tutelato


Per tale motivo, il bene giuridico tutelato è il diritto alla riservatezza e alla tranquillità, che vanno poi a fondersi nel bene giuridico della libertà personale, ovvero nel diritto di non essere infastidito nell'espletamento della propria sfera di libero arbitrio. La differenza che poi va a ripercuotersi sui due articoli 659 e 660, è che nel primo, la libertà tutelata è quella al diritto al lavoro ed alla sua tranquilla e pacifica esecuzione, mentre nell'articolo 660 il diritto tutelato è quello di poter usufruire di spazi pubblici o aperti al pubblico senza che lo stesso diritto venga posto in pericolo in compressione da parte di un altro individuo.


5. Elementi oggettivi e soggettivi


Gli elementi che vanno a sostanziare questo reato, sono sia di natura oggettiva sia che di natura soggettiva. L'aspetto oggettivo è l'astratta concezione di molestia e disturbo che venga posta in essere in capo alla presunta vittima, mentre l'aspetto soggettivo si va a sostanziare nella reale percezione nel caso concreto preso in esame. Al fine del giudizio finale da parte del Giudice, l'aspetto che porterà alla decisione di più o meno colpevolezza, si sostanzierà in una media logica e giuridica di quella che generalmente può essere considerata una molestia, e quella che nel caso concreto sia stata veramente percepita.

 Avv. Emmanuel Giuseppe Colucci Bartone



Hai ricevuto delle telefonate moleste? Hai subito degli avvenimenti fastidiosi? Sei stato imputato per il reato in capo all'art. 660 c.p?Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati onlineTre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.





AvvocatoFlash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis