Come denunciare una truffa online?

// Diritto Penale  
# TruffeOnline  

Non è raro purtroppo cadere vittima di una truffa online al giorno d'oggi. Dunque, è bene sapere come e quando queste truffe debbano essere denunciate e quando sia necessario rivolgersi all'ausilio di un avvocato.

denunciare una truffa online approfondimento avvocatoflash

1. Come avviene una truffa su Internet e come è possibile denunciarla?

I truffatori su Internet hanno una discreta fantasia: la truffa infatti può essere una semplice compravendita andata male (merce danneggiata, merce diversa da quella per cui si è proceduto all'acquisto o peggio ancora del tutto mancante), oppure essere frutto di macchinazioni ingegnose, quali ad esempio il phishing

Questa particolare tipologia di truffa è davvero macchinosa: il mal capitato infatti, riceve una mail con un logo falso o contraffatto di un istituto di credito, per mezzo della quale si invita il destinatario a fornire dati sensibili quali nome e cognome, nome utente coordinate bancarie, password, ecc, motivando tale richiesta per ragioni di carattere tecnico quali, ad esempio, la sospensione dell'account di home banking.

Dal momento in cui si sia caduti in un simile e deprecabile tranello, è molto importante fare denuncia alla polizia postale o ai carabinieri. La denuncia da parte dei privati non deve corrispondere ad un format specifico e può essere fatta sia per iscritto che in forma orale: ciò che importa è che vi sia una breve e coincisa spiegazione dei fatti, semplice e lineare. 

Si ricorda poi che la denuncia facoltativa non ha termini di legge per la sua presentazione ai carabinieri e alla polizia postale, mentre invece in casi tassativamente previsti dalla legge, i termini sono precisi e devono essere rispettati a pena di improcedibilità. Stesso identico discorso può essere fatto per la querela, con l'unica differenza per cui colui che querela deve manifestare la chiara intenzione di voler procedere per quel particolare reato. 

Un'ulteriore differenza risiede nel fatto che per la querela è il relativo diritto deve essere esercitato entro tre mesi dal giorno in cui si è venuti a conoscenza della realizzazione del fatto di reato.

Chi si occupa di raccogliere la denuncia o la querela deve provvedere alla sottoscrizione della data e del luogo ove la denuncia è stata resa, nonché attestare il nome e il cognome del querelante per poi trasmettere tutti gli atti al pubblico ministero di turno. Sia colui che denuncia che il querelante hanno diritto a ricevere un'attestazione di avvenuta denuncia/querela.

2. Come denunciare una truffa online

Con l'evolversi della tecnologia, è possibile adesso fare denuncia online direttamente dal portale della polizia postale. È infatti disponibile una specie di format pre-compilato, ove bisognerà fornire i dati identificativi personali (il sito è sicuro, ed è uno dei pochi in cui si possono fornire in sicurezza dati sensibili) e alla fine della procedura sarà assegnato un numero di procedura, con il quale si potrà facilmente individuare la pratica in futuro. 

Attenzione però, questo tipo di denuncia non sostituisce quella fatta personalmente alla polizia, ma è solo il primo atto che mette in moto la macchina della giustizia: affinché infatti la denuncia abbia valore legale, è necessaria la sottoscrizione davanti al pubblico ufficiale di riferimento (polizia o carabinieri).

3. Quando rivolgersi ad un avvocato

Dal momento in cui si saranno concluse le indagini, sarà utile dotarsi di un avvocato affinché si possa procedere a costituirsi parte civile in un processo. Costituendosi parte civile infatti, ci sarà la possibilità di chiedere al giudice un ristoro del danno subito, che potrà venire sia per mezzo di una condanna passata in giudicato, che tramite un'offerta riparatoria che potrà essere fatta dall'imputato dal momento in cui la truffa abbia avuto la minima entità. 

L'ausilio di un avvocato infatti in casi come questi risulta essere di grande aiuto, perché il professionista in questione grazie alle competenze acquisite sul campo, potrà guidarvi al meglio durante il processo o anche nelle fasi di indagini. L'avvocato infatti, per mezzo della denuncia e di tutte le prove raccolte potrà aderire o meno alle richieste del pubblico ministero in sede di giudizio ed è molto utile al raggiungimento di un risarcimento del danno, soprattutto se le cifre oggetto della truffa sono piuttosto imponenti.

Fonti normative

Art 640 c.p

Art 333 c.p.p.

Art 107 c.p.

Ritieni di aver subito una truffa online? Te ne vorresti accertare e hai bisogno di una consulenza professionale? Hai bisogno di un avvocato esperto in materia penale? Esponici il tuo caso. AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati online. Tre di loro ti invieranno un preventivo gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it
Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis