Ti inviamo in poche ore preventivi di avvocati specializzati

Raccontaci il tuo caso

Ricevi tre preventivi gratuiti

Scegli l'avvocato per te

Hai bisogno di un Avvocato?

Descrivi il tuo caso

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

I vantaggi di AvvocatoFlash

+4.000 avvocati in tutta Italia

Solo avvocati qualificati

+12.000 persone assisite nel 2018

Quale tutela è prevista in caso di truffa contrattuale?

Il nostro ordinamento giuridico accorda tutela penale al soggetto passivo del reato di truffa contrattuale. Ai sensi dell’art. 640 c.p. è perseguibile a querela di parte, salvo che la fattispecie rientri nelle ipotesi aggravate in cui è perseguibile d’ufficio.

< Diritto Civile   # Truffa  

1. Truffa contrattuale

La fattispecie della truffa c.d. contrattuale è stata oggetto di operazioni ermeneutiche giurisprudenziali che, pur definendone i caratteri peculiari, l’hanno sussunta nel modello della truffa (art. 640 c.p.).

Vengono tutelate la “libertà dal contratto”, in quanto la vittima è indotta a stipulare un contratto che non avrebbe affatto concluso e “libertà nel contratto”, accettando condizioni diverse da quelle a cui avrebbe voluto contrarre.

L’elemento oggettivo del reato è integrato dalla condotta dell’agente, il quale, con artifici e raggiri che intervengono nella formazione della volontà contrattuale, trae in inganno la controparte, inducendola a prestare un consenso che non avrebbe dato.

La giurisprudenza ritiene che la truffa contrattuale possa altresì ricorrere qualora gli artifici o raggiri vengano perpetrati nella fase esecutiva del negozio o, ancora, abbiano ad oggetto aspetti collaterali, accessori o esecutivi di un contratto risultati rilevanti al fine della conclusione di un negozio giuridico.

L’ingiusto profitto, con correlativo danno del soggetto passivo, consiste nella stipulazione del contratto, quindi, ai fini della sussistenza dell’elemento materiale è irrilevante l’eventuale equilibrio delle prestazioni delle prestazioni contrattuali, cioè che sia stato pagato il giusto corrispettivo della controprestazione effettivamente fornita, inoltre l’eventuale successivo inadempimento non costituisce un illecito civile, ma la conclusione dell’attività criminosa.

Fonti normative

Codice penale: articolo 604.

Sei stato indotto in errore e hai stipulato un contratto? Sei stato raggirato? Stai cercando un avvocato competente che possa aiutarti? Esponici il tuo caso AvvocatoFlash ti metterà in contatto con i migliori avvocati. Tre di loro ti invieranno senza impegno un preventivo, gratuitamente, e sarai tu a scegliere a chi affidare il tuo caso.


AvvocatoFlash.it
+ 02 40 03 11 36 team@avvocatoflash.it

Hai bisogno di un Avvocato?

Accetta i Termini e le Condizioni del servizio e l'informativa sulla privacy di AvvocatoFlash. I vostri dati verranno condivisi solo con gli avvocati che ti offriranno assistenza.

Richiedi Preventivi Gratis